xnxxpornoxnxxxhamsterpornopornoteen pornohd pornogerman pornohd pornoredtubexvideosbeegxhamster

Le ceramiche di Civita Castellana

La storia delle ceramiche di Civita Castellana affonda radici in tempi molto lontani, ne sono la prova i numerosi reperti storici falisci i quali già lavoravano l’argilla per costruire utensili da utilizzare giornalmente. Intorno al 1700 la produzione incrementò considerevolmente, in quanto fu permesso di scavare argille plastiche presso il monte Soratte, nelle vicinanze di Civita Castellana, grazie alle quali si riuscì a realizzare opere di alto valore.

Con il passare del tempo ci fu un incremento vertiginoso di scavi e realizzazioni di manufatti anche sul territorio di Civita Castellana, in quanto ricco della pietra di tufo, puzzolana e lave prodotte dai vulcani spenti sia dei Monti Sabatini che dei Monti Cimini. Ma il materiale in assoluto che portò lo sviluppo della ceramica fu senza dubbio l’argilla plastica grigia e gialla, ossido di ferro e caolino puro, ovvero un argilla bianca, materia di prima scelta più importante per l’industria della ceramica, in quanto molto plastica e facilmente impastabile e modellabile oltre che avere la proprietà di indurirsi notevolmente dopo la sua cottura.
In un contesto territoriale per lo più dedito all’agricoltura, Civita Castellana è riuscita ad imposi come centro propulsore dello sviluppo industriale . Fino a qualche tempo fa le ceramiche a Civita Castellana erano circa ottanta, di cui circa trenta aziende si occupavano della produzione igienico-sanitaria, un ventina alla produzione di stoviglieria, una piastrelle e una trentina di ceramica artigianale artistica.
Purtroppo, attualmente non si può più parlare degli stessi numeri a causa della forte crisi che ha avuto il periodo più buio per l’industria ceramica dal 2008. Non stiamo parlando di una crisi riguardante il settore industriale ceramico, ma di una crisi globale e mondiale, ma ovviamente il settore produttore di sanitari  è stato uno fra quelli che più ne ha risentito in quanto in stretta connessione con il sistema dell’edilizia. Tutta questa spiacevole situazione ha portato grande disagio a numerose famiglie del territorio civitonico. Fino a meno di dieci anni fa si parlava di un industria della ceramica di Civita Castellana che sosteneva un primato insostituibile nell’economia provinciale viterbese; si parlava di coprire un valore sulla produzione internazionale del 39.6% e del 43.6%in termini di quantità dell’intero settore ceramico soprattutto per quanto riguarda produzione di sanitari bagno. Oggi purtroppo molti produttori delle ceramiche sono stati costretti a chiudere la produzione, o perfino qualcuno a spostarla all’estero, ma diverse non si sono arrese e anzi, hanno puntato su una migliore qualità dei prodotti affidandosi a tecnologie più avanzate, una migliore creatività, mantenendosi così altamente competitivi sul mercato della ceramica in tutto il mondo, soprattutto per la produzione di sanitari.

VN:D [1.9.11_1134]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)

Le ceramiche di Civita Castellana, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Invia il tuo commento

Devi effettuare il login per commentare.

VN:D [1.9.11_1134]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)

Le ceramiche di Civita Castellana, 5.0 out of 5 based on 1 rating


Design Me © 2016 All Rights Reserved

Created by Red-made