Arte Workshop e Real Wedding nella fiera per il matrimonio

La scorsa settimana si è svolta a Roma la fiera ForWedding e noi siamo stati tra i protagonisti cercando di raggiungere i 2 obiettivi a cui secondo me ogni Wedding Planner dovrebbe puntare: colpire l’attenzione con idee creative che possono incuriosire i visitatori e non svendere la propria professionalità… personalmente credo che come “SposiAmo” abbiamo centrato entrambi gli obiettivi!

Prima di tutto voglio ringraziare le tante persone che ci sono venute a trovare nel nostro stand : durante i 4 giorni della manifestazione abbiamo avuto il piacere di rivedere alcuni ex-corsisti diventati nel frattempo colleghi, salutare molti partners, e conoscere di persona tanti iscritti alla community di MasterWedding…

Quest’anno, per la prima volta su Roma, abbiamo abbandonato il padiglione dedicato al mondo del ricevimento che ultimamente era diventato sempre più caotico per posizionarci all’interno della White Room, una zona sicuramente più esclusiva che i visitatori si trovavano ad attraversare subito una volta entrati in fiera.
Questo spazio, riservato ad una trentina di aziende selezionate, era contraddistinto da un layout unico sul tema “Gold Experience”: box di dimensioni comprese tra i 10 ed i 20 mq completamente bianchi (pareti, tetto e pavimento), da personalizzare con elementi oro… queste le indicazioni fornite dagli organizzatori ed a cui gli espositori dovevano attenersi!

Noi abbiamo deciso di puntare su uno stand di immagine cercando di creare un’atmosfera elegante giocando con strutture trasparenti in plexiglass, fili di swarosky, specchi, tessuti e candele oro, elementi neri a contrasto con il bianco.
Nonostante in questa occasione abbiamo presentato alcuni servizi e prodotti monomarca che gli sposi possono acquistare anche singolarmente, rappresentati rispettivamente dalle divisioni SposiAmo CATERING – SposiAmo ALLESTIMENTI – SposiAmo CREAZIONI – SposiAmo FOTOGRAFIA, volevamo puntare il focus dei visitatori sul nostro servizio di CONSULENZA e quindi gli elementi più importanti erano rappresentati da divani in cui le coppie si potevano sedere per parlare con noi e sfogliare gli album dei progetti e le fotografie di alcuni lavori già realizzati.

Il nostro slogan è sempre L’ARTE DEL MATRIMONIO

Se nel 2011 abbiamo impostato tutto su quadri e cornici sulle pareti e creazioni artigianali presentate in teche di vetro, questa volta abbiamo optato per l’idea delle statue…

Davanti allo stand abbiamo così posizionato 2 statue viventi, un uomo ed una donna che uscivano da una cornice, vestite completamente di bianco con una nuvola di fili metallici e fiori di phalaenopsis oro: un’idea sicuramente insolita che ci ha permesso di rappresentare il tema in modo originale e di venire sicuramente ricordati da sposi e fornitori (se vi ricordate nel precedente post avevo spiegato come questo deve essere sempre uno dei primi obiettivi quando partecipiamo ad una fiera).

Per distinguerci abbiamo poi organizzato 2 eventi in fiera in collaborazione con la rivista “Woman & Bride” che ci ha invitato a tenere un Workshop per le future spose ed ha lanciato la sfida di organizzare un matrimonio in diretta:

SEMINARIO “Come nasce un progetto di nozze”

Venerdi pomeriggio Roberto ha tenuto un seminario dal titolo “Come nasce un progetto di nozze” in cui ha svelato alcuni segreti e mostrato le foto del backstage di un evento soffermandosi molto sulla personalizzazione degli allestimenti e rispondendo alle curiosità dei presenti.

REAL WEDDING “Anteprima di matrimonio…”

Sabato invece abbiamo coinvolto alcuni partner e buona parte del nostro staff per organizzare un matrimonio in diretta!

SI, avete capito bene… Abbiamo chiesto ad una nostra coppia che si sposerà la prossima primavera di vivere in anteprima alcune emozioni, e così sono passati attraverso il trucco e parrucco, hanno indossato gli abiti, sono arrivati in ferrari, si sono scambiati una promessa (e le fedi…) in una zona appositamente allestita con vasi bianchi e rose rosse, per spostarsi poi nella zona ricevimento dove c’è stato il taglio della wedding cake sulle note musicali della loro canzone preferita ed il buffet dei dolci con l’angolo del gelato preparato a vista!


Sono stati 2 eventi insoliti per una fiera, più seria e tecnica la prima e più scherzosa e piacevole la seconda, che abbiamo voluto utilizzare per far toccare con mano ai futuri sposi cosa possiamo fare per loro ed un’occasione per dimostrare la nostra professionalità in modo sicuramente più efficace di mille parole scritte su una brochure.

Questi sono stati i 3 “ingredienti magici” che abbiamo utilizzato in questa manifestazione per comunicare e sono sicuro che tutti, chi per un motivo e chi per un altro, si ricorderanno di SposiAmo!

L’impressione che ho avuto sulla percezione della professione è sicuramente positiva e rispetto allo scorso anno è stato fatto un grosso salto in avanti : la maggior parte dei visitatori dichiarano infatti di sapere chi è e cosa fa un agenzia di Wedding Planners, alcuni hanno ancora una visione distorta sulla reale professione ma nulla a che vedere rispetto a 1 o 2 anni fa… tutto mi fa pensare che anche nel 2013 la quota di mercato della nostra categoria continuerà a salire, in netta controtendenza rispetto a tutti gli altri settori.

Se il mercato ha fatto un importante passo in avanti purtroppo non posso dire la stessa cosa della maggior parte dei wedding planner che erano presenti a questa manifestazione e che continuano a lanciare “strani” messaggi…

In particolare possono essere divisi in 4 categorie principali:

1) WP che cercano di comunicare la propria PROFESSIONALITA’ mostrando idee originali, presentando foto e progetti, dialogando con la coppia per spiegare come lavorano e soprattutto ascoltare quali sono le loro esigenze così da poter fornire risposte e soluzioni personalizzate.

2) WP che hanno trasformato il loro stand, spesso piccolo, in un’accozzaglia di cose ed allestimenti realizzati da aziende PARTNER che in cambio chiedono di marchiare tutto ed in alcuni casi rischiano di avere una visibilità addirittura superiore a quella del WP stesso che si limita a distribuire brochure sue e dei suoi partners.

3) WP che non sapendo cosa dire si nascondono dietro la parola LEADER e più che spiegare quali sono i propri punti di forza cercano di tranquillizzare il visitatore che sono l’azienda leader nel settore non rendendosi conto che questo messaggio oltre che falso (in molti casi…) è anche molto poco incisivo perché ci sono almeno altre 5-6 aziende che lo dicono… A tal proposito sarebbe interessante capire in base a quali parametri si può fare questa affermazione.

4) WP che svendono il proprio servizio dichiarando di lavorare GRATIS e non si rendono conto che in questo modo i clienti non si fidano di loro perché non riescono a capire come guadagnano… Quest’anno ho visto una cosa che ha superato ogni limite: un’agenzia che oltre a regalare il proprio servizio offrendo consulenza gratuita, regala anche un viaggio in Europa offrendo un weekend in una capitale europea a chi conferma il suo servizio entro il 15 novembre… Secondo Te c’è ancora qualcuno che crede che un servizio di valore viene regalato e come se non bastasse c’è anche un viaggio in omaggio?

Io mi riconosco nella categoria n.1, e Tu?

Mi piacerebbe conoscere la tua opinione su questi argomenti:
- Che impressione hai avuto di ForWedding quest’anno?
– In che modo secondo te dovrebbe comunicare un WP in fiera?
– C’è qualche messaggio che ti ha colpito in positivo od in negativo nello stand di un Wedding Planner nelle fiere che hai avuto modo di visitare?
Condividi la tua esperienza qui sotto e se ti è piaciuto questo post, aiutami a diffondere la voce :-)

VN:F [1.9.11_1134]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Invia il tuo commento

Devi effettuare il login per commentare.

banner-strategia

VN:F [1.9.11_1134]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)


Design Me © 2018 All Rights Reserved

Created by Red-made