• SEZIONI
Diego De Silva Superficie

«Quando sono di buonumore, poi mi passa.

Il preservativo si trova sempre nel cassetto del comodino opposto.

Sono d’accordo con Baudelaire».

Prendete un luogo comune, smontatelo, rovesciatelo, trovategli amici e parenti, coniugi e amanti, nemici e complici. Denunciateli. Poi accostatelo a una battuta, a un aforisma, a un nonsense: accendete la miccia e aspettate.

Ad esplodere, sarà la vostra risata. È un gioco, sí, ma è una sarabanda dell’intelletto.

Perché è vero: molti discorsi umani sono irresistibilmente comici, sembrano costruiti solo per iniziare e non andare mai a fondo.

Sono grandiosi tentativi di semplificazione impastati in un chiacchiericcio che supera ogni pretesa di profondità per diventare, gioiosamente, superficie.

E vanno inchiodati a se stessi, accostati ad altri o ad altro, perché nel flusso torrenziale si producano attriti, urti, ribaltamenti di senso.

Proprio come avviene nelle reazioni chimiche, vanno messi accanto a un reagente che, consumandosi, li trasformi.

Leave a Comment