• SEZIONI
award-winning-design (2)

Competere in un concorso di fama internazionale, tutto dedicato al design, non è mai stato così semplice.

Basta infatti registrare i propri progetti al seguente link e al resto ci pensa l’incredibile staff di A’ Design.

Incredibile perché cura ogni fase della competizione e, chi si iscrive, viene seguito e sostenuto passo dopo passo: fin da subito, infatti, i propri design ricevono un feed-back da parte di professionisti qualificati che suggeriscono quali modifiche apportare al progetto per una migliore presentazione.

Immediatamente, inoltre, i propri lavori acquisiscono visibilità mondiale perché vengono inseriti nella piattaforma che raggruppa tutti i professionisti iscritti alle varie edizioni, siano essi imprenditori, creativi o esperti di comunicazione.

Una volta che ci si aggiudica il premio, cosa che vi auguriamo, il vostro progetto viaggerà a vele spiegate in vari network mondiali costituiti da agenzie di comunicazione e stampa, ricevendo una pubblicità diffusa e incrementando a dismisura il pubblico dei potenziali clienti o sostenitori.

Ricapitoliamo alcuni degli straordinari vantaggi che spettano ai vincitori:

√ il certificato di eccellenza del design internazionale in metallo;

√ la premiazione all’interno di una serata di gala in una location esclusiva in Italia;

√ l’esposizione online dei progetti premiati;

√ l’esposizione al MOOD (Museum of Design);

√ l’inserimento nell’annuario con i vincitori;

√ il trofeo-premio speciale in metallo stampato 3d;

√ la traduzione della scheda tecnica del proprio progetto in più di 20 lingue;

√ un’intervista esclusiva;

√ la licenza per usare “A ‘Design Award Winner Logo” nelle proprie comunicazioni;

√ la promozione su migliaia di pubblicazioni del settore di tutto il mondo e l’apparizione su diversi media.

Una menzione a parte merita la giuria del contest: è costituita da professionisti dei vari rami del settore (imprenditori, docenti, giornalisti, artisti affermati), cambia ogni anno nella composizione e si esprime seguendo procedure rigorose che assicurano l’imparzialità, come la sottoscrizione di un codice di condotta e la dichiarazione di estraneità rispetto alle società in competizione.

La vittoria, dunque, è un traguardo possibile con A’ Design Award & Competition, quindi la domanda è, perché non partecipare? Ci sono a disposizione numerosissime categorie: Design dell’arredamento, Architettura, Design Moda, Design d’interni e degli spazi espositivi, Design del gioiello e Design della Comunicazione, solo per citarne alcune tre le più importanti. Qualunque sia la categoria per cui intendi concorrere, ti basterà registrare qui il tuo design https://competition.adesignaward.com/registration.php, se invece vuoi avere maggiori informazioni sul concorso le puoi trovare nell’apposita pagina http://www.whatisadesignaward.com, ricordando in ogni caso che il termine ultimo per iscriversi si avvicina, ovvero il 28 Febbraio.

In attesa di scoprire insieme, come ogni anno, i vincitori della nuova edizione, che saranno resi noti il 15 Aprile, vi auguriamo buona competizione con alcuni dei progetti più interessanti delle scorse edizioni.

Gatto Bianco Bistro Restaurant by Ris Interior Design

Il ristorante si caratterizza per lo stile retrò-industriale: con la sua atmosfera giocosa e informale è adatto ad accogliere tutti i tipi di clienti, comprese le famiglie. Ospita al suo interno angoli diversi, ricavati prendendo spunto dall’idea delle scenografie teatrali.

The Hippie Style Interior Design by Hsiu-Hsiu Yu

Un mix di cultura hippie, applicata agli arredi, e di design tipico del loft ispira il progetto di quest’ufficio. Il risultato è un ambiente lavorativo caldo e rilassante, perché le migliori idee nascono in condizioni confortevoli.

Begonia Town Sales Center by S.U.N and Hongtao Sun

Nel centro commerciale la modernità dell’architettura e dei materiali, come il vetro, il metallo e il legno, incontra la tradizione. Infatti, sono ripresi alcuni elementi tipici dell’antica arte paesaggistica cinese, quali la montagna, il fiume e gli uccelli, e riproposti in maniera artistica all’interno degli spazi, infondendogli un’aria da sogno.


U Step Staircase by Bora Yildirim

La modularità è l’elemento chiave di questa scala autoportante: grazie all’ideazione di un componente base a “U”, questo prototipo può trovare applicazione nei contesti più disparati perché ha bisogno di ancorarsi solo al soffitto e al pavimento. Grande adattabilità e contenimento dei costi per il trasporto e l’assemblaggio.


K house Resident by Cheng-Wen Tang

La ristrutturazione dell’appartamento si è basata sulle esigenze dei proprietari di migliorare la disposizione dei vani e l’esposizione degli stessi alla luce. Sapiente il ricorso a porte semi-visibili, capaci di mimetizzarsi bene e che danno continuità e armonia ai vari ambienti.

Spot Multifunctional Sofa by Vinicius Lopes and Gabriela Kuniyoshi

Il divano multifunzionale riesce ad assolvere diverse funzioni ed è un’ottima soluzione, quindi, negli spazi più piccoli: grazie ai suoi accessori, ampiamente personalizzabili, offre oltre ad una morbida base di appoggio, vani per riporre oggetti e una piccola scrivania sul retro. Mette insieme materiali diversi come legno, pelle e stoffa.

Unity Coffee table by Saman Macvand

Essenzialità e pulizia per questo tavolino che ingloba in sé l’idea di scultura. Costituito da pochi elementi, ovvero cinque pilastri in cemento ultraleggero, un anello cromato e un piano di vetro, questo tavolo si monta e si sposta facilmente, adattandosi ad ambienti diversi, pur mantenendo il proprio carattere.

Seehof: a garden architecture Hotel by Noa

La ristrutturazione dell’hotel riesce a far dialogare meglio la struttura preesistente con l’incantevole scenario naturale in cui è immerso. Il vasto uso del legno e delle vetrate per gli spazi creati ex novo e la collocazione della nuova area benessere proprio a ridosso del lago intensificano il continuum esperienziale tra l’interno e l’esterno. La favola diviene realtà.

Construct Fashion Fashion project by Mor Nov

La linea di abiti traspone i motivi architettonici dell’art déco nella moda. Una fusione di arti, dunque, anima queste creazioni che si distinguono per la ricerca di tessuti idonei a realizzare forme geometriche ardite. Stupiscono con classe.

Urban Army Garment by Megha Garg

La collezione d’abbigliamento nasce dalla rivisitazione in chiave moderna di due vestiti tipici indiani. Gli abiti sono il risultato della sovrapposizione di tessuti morbidi e per questo ciascuno è un prodotto artigianale unico. Si adattano a diversi tipi di fisicità e si distinguono per lo stile essenziale dal gusto contemporaneo.

Simplicity ECO friendly bussines bag by Ana Golubic Brozovic

La borsa 100% ecologica: è realizzata in sughero, materiale naturale che in quanto a resistenza può sostituire bene la pelle. È leggera e le grandi dimensioni la connotano come borsa da giorno. Dal design semplice e minimale, non rinuncia nemmeno ad essere un accessorio moda di grande appeal.


Zhui Jewelry by Beijing Forestry University

Ispirati nella forma alle gocce d’acqua, questi bijoux risaltano per semplicità e classe. Creati dall’unione di due materiali molto diversi come oro e bambù, risultano innovativi. La goccia in oro è svuotata in modo da garantire la leggerezza e il bambù del telaio esterno modifica la colorazione nel tempo a contatto con la pelle. Il gioiello è un tutt’uno con chi lo indossa.


HYM Seed Turntable Speaker by Lin Huanmin – HYM Originals

Il giradischi si fa moderno ed ha anche le caratteristiche di un oggetto d’arredo: unisce l’alta tecnologia, capace di produrre un suono di qualità, con un rivestimento in legno lavorato artigianalmente. Un buon incentivo a riscoprire il vinile.


MVV Full moon season Mooncake box by Bond Creative

La confezione del dolce tipico vietnamita, che si consuma in occasione di una festività tradizionale, si arricchisce di illustrazioni degne di giovani menti creative. Le stampe sono realizzate con una grande cura dei dettagli, il risultato è molto piacevole.


Calx Station Logo and VI by Vin Wen, Yinan Lyu and Xi Chou

Il logo realizzato è essenziale e di grande impatto. Punta semplicemente sul grassetto e sulla combinazione cromatica blu-nero con piccoli contrasti di bianco. Ha tutte le carte in regola per colpire il pubblico giovanile per cui è stato pensato.


Frederik Beer Bottle Series by Sisecam Design Center

La bottiglia della nota marca di birra si rinnova e lo fa sfidando la tradizione: cambia la classica forma arrotondata in una più squadrata, cui giunge attraverso uno studio meticoloso volto ad assicurare che siano preservate le caratteristiche della bevanda. Il resto del nuovo packaging lo fanno il gusto semplice e aggraziato che da sempre caratterizzano il brand.

Leave a Comment