• SEZIONI
Api_Boost_by_Claudia_Perle_award-winning-design_-_Copy

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per il premio A’Design Award and Competition, la più grande competizione annuale di design che premia i migliori designer, architetti e aziende di design in tutto il mondo.

Gli organizzatori della competizione sanno bene che ciò di cui i designer hanno bisogno è di raggiungere persone che non solo apprezzino il loro lavoro, ma che possano assumerli, lavorare con loro o acquistare i loro progetti e prodotti. A’Design Awards and Competition nasce proprio con l’intento di premiare i designer migliori per fornire loro pubblicità, successo e riconoscimento.

Tutti i progetti iscritti sono organizzati in una vasta gamma di categorie che vanno dal design industriale all’architettura. Website & Web Design Awards, Wearable Technologies Design, Writing, Literature and Content Design , Food, Beverage and Culinary Arts Design , Interior Design, Fashion and Travel Accessories Design sono solo alcune delle 100 categorie dell’A ‘Design Award, puoi vederle tutte cliccando su questo link. Tu in quale parteciperai?

Perchè iscriversi

L’A’Design Award and Competition è senza dubbio un ottimo trampolino di lancio per tutti quei designer che vogliono far conoscere il loro lavoro al resto del mondo.

Inoltre le opere saranno giudicate da una giuria internazionale e imparziale di studiosi, professionisti e media member di altissimo livello. Vincere l’A’Design Award and Competition è sinonimo di assoluta qualità del tuo lavoro!

I premi

I vincitori avranno diritto a tantissimi benefit, come l’esibizione del progetto alla mostra, l’inserimento nell’annuario con i vincitori, l’inclusione nel ranking mondiale del design, tantissima pubblicità e l’invito esclusivo alla serata di gala dove verranno assegnate le targhe ai vincitori.

Ma i premi non finiscono qui, ci saranno le interviste esclusive, la possibilità di usare il logo A’competition design winner per aumentare il valore dei propri progetti, il certificato di eccellenza del design internazionale, la traduzione del proprio progetto in oltre 20 lingue e la creazione del proprio profilo in designers.org. Il sito è nato quest’anno e presenti i progetti, il profilo con intervista e un collegamento a un sito Web esterno dove potenziali clienti e membri della stampa possono prendere ulteriori informazioni sui progetti, contattare i designer e acquistare da loro.

Per scoprire di più sulla competizione potete cliccare sul sito designaward.com e whatisadesignaward.com

Cosa stai aspettando? Clicca qui per registrarti e partecipare! La scadenza per la presentazione anticipata dei progetti è il 30 giugno.

Design-Me è tra i vincitori della scorsa edizione e stasera sarà all’evento di gala al palazzo Olmi di Como a ritirare il premio come Best Design Media Award 2019.

Continua a seguirci su designme.it, tutti i vincitori verranno annunciati il 15 aprile! Sarai uno di loro?

Nel frattempo scopriamo insieme alcuni degli altri progetti vincitori della scorsa edizione

Unconventional Chic by Anna Spiridonova

Nuovi, provocanti e futuristici disegni con dettagli geometrici dorati e richiami funky. Traendo ispirazione e reinterpretando un oggetto architettonico, Unconventional Chic ha creato una scarpa adatta a tutti i tipi di corpo femminile.

Bo Du Resort Hotel Design by Ao Zhang- CSD Design Office

Bodu in cinese significa fornire un posto per riposare. E questo è esattamente ciò che il marchio di hotel Bodu mira a fornire, un luogo per meditare vicino alla natura, avvicinandosi e conoscendo il patrimonio culturale e naturale locale.

Api Boost by Claudia Perle e Brigitta Stucki

Un integratore per una combinazione unica di pappa reale, polline d’api fermentato con enzimi, tè verde, maca, zinco e selenio a base di miele con un design accattivante e facile da portare al lavoro, in palestra o durante un viaggio. Tutti i componenti del packaging possono essere riciclati.

Fogo Island Shed by Todd Saunders

L’ispirazione architettonica è stata ricavata dalle forme delle capanne e delle case tradizionali dei pescatori della regione. L’edificio non ha elettricità ed è progettato sulla nozione di “slow eating”. Lo spazio è destinato a promuovere un approccio sociale alla ristorazione e di focalizzare la mente, aumentando la consapevolezza delle stagioni, della luce e del cibo.

Parkup Placemaking Service by Justin Yu Plan b

Colonne in legno e una serie di prodotti in metallo che possono essere assemblati in modo intuitivo. ParkUp si concentra sulla trasformazione degli spazi residui trascurati in spazi aperti urbani creativi. Conducendo una serie di esperimenti spaziali, ParkUp non solo rimodella i siti visibili ma ricollega le relazioni interrotte invisibili tra comunità e quartieri.

Fiveism X Three by Yuta Takahashi

Cambiando la consistenza, il logo e il colore dei cosmetici, creando un design innovativo a forma di bastoncino che possa essere utilizzato facilmente, Yuta Takahashi ha reso il trucco accessibile anche all’uomo 

Yiiboard by Pang Ming

Un dispositivo completamente nuovo che supporta le persone per i viaggi a breve distanza. A differenza degli altri skateboard elettrici a quattro ruote, Yiiboard sfrutta il bilanciamento delle biciclette dalla ruota anteriore

La coda di Yiiboard si incurva leggermente, lascia spazio e possibilità agli hobbisti sportivi di fare anche acrobazie.

Living in Fun by Hong Kong Trade Development Council

Una serie di mini installazioni con elementi mobili create utilizzando oggetti casalinghi per attirare l’attenzione del visitatore.

The Tenderness of Wool by Wenyi Xiang

Wenyi Xiang ha eliminato il processo di infeltrimento dai capi di lana, creando un materiale a base di lana sottile e traslucido con un motivo a filo distinto sia robusto che etereo.

Può essere modellato da una superficie piana e può essere trasformato in vari oggetti tridimensionali.

Utopia by Alda Tomás

Ogni pezzo di Utopia è pensato in un modo di combinare l’estetica con la tecnologia. Le decorazioni sono ispirate alle pieghe applicate agli origami, l’arte secolare giapponese su carta, per valorizzarle e dargli dinamismo

Leave a Comment