fbpx
  • SEZIONI
!cid_EB637295-64CC-4E9A-9803-54834255E112

!cid_EB637295-64CC-4E9A-9803-54834255E112

L’arte della cucina sbarca a Göttingen. Il 15 ottobre, nella cittadina tedesca, ha inaugurato “Bacon Supreme”, il nuovo importante progetto di ristorazione di cui Acmesign cura l’immagine in ogni aspetto, affermando una particolare attenzione al settore del food.

Acmesign, agenzia di pubblicità specialista nel design, nella produzione e realizzazione di materiale per il punto vendita.

Un po’ anni ’30, un po’ rock, con tanta influenza indie e alternative, tra vissuti divani Chesterfield, vetrate decorate e il caldo legno delle boiserie che catapultano nel mondo de “Il Grande Gatsby”, il ristorante si fa promotore di un nuovo punto di vista sul maiale e sulla sua cucina, elevandone il rango a indiscusso re delle tavole.

Un’atmosfera resa ancora più unica e a tratti folle da un pizzico di irriverenza in più. Dal marchio ai menù, passando per la carta da parati e i complementi d’arredo, Gianluca Piroli, AD di Acmesign, infonde il proprio gusto vintage a un locale dalla personalità già scoppiettante.

Nasce così un’immagine forte che fa del maiale il protagonista assoluto di ogni dettaglio e non solo di ogni piatto. Le citazioni cinematografiche e musicali si incontrano in modo quasi bizzarro, come in un romanzo di Hunter Thompson. È così che Stanley Kubrick, a sorpresa, dirige “Full Metal Bacon” mentre Clint Eastwood è protagonista di “The Good, The Bad, The Bacon” e Darth Vader è l’oscuro signore di “The Bacon Strikes Back”.
Ispirazione principale è la stessa location, affascinante quanto la sua storia. Stabile costruito a partire dal XV secolo, la Junkershänken è uno degli edifici più antichi di Göttingen, simbolo della città ed esemplare unico dell’architettura tedesca antica, caratterizzato da medaglioni raffiguranti personaggi biblici, segni zodiacali e ritratti degli storici proprietari. Un luogo importante per la città, storicamente luogo di ristoro e oggi vive un nuovo Rinascimento e una nuova trasformazione.

Leave a Comment