• SEZIONI
photo-1538368433647-508a4ebade0f

Saldi 2019.

Bilancio positivo per arredo e design che superano di un punto il settore moda.

Secondo lo studio sulle tendenze d’acquisto dei consumatori durante i saldi di gennaio-febbraio di quest’anno, svolto da Tiendeo.it, piattaforma leader nelle soluzioni drive-to-store per il settore retail, su 4 milioni di visitatori che affollano il sito sfogliando i cataloghi digitali, il 24% sarebbe interessato a offerte riguardanti la casa, mentre il 23% a offerte relative al settore moda.

Evidentemente non si tratta di un sorpasso definitivo, ma denota un crescente interesse da parte degli utenti per il mondo del design.
Segue al terzo posto l’elettronica, che solitamente riesce sempre a ritagliarsi un ruolo da protagonista nei sondaggi e nelle vendite delle stagioni promozionali mentre in questa occasione si accaparra solo il 16%.

Il podio del settore arredamento è occupato dallo scandinavo JYSK insieme a Conforama e Mondo Convenienza, mentre per quanto riguarda l’abbigliamento sono Zara, Kiabi e Tezenis a conquistare i primi posti. Nel settore elettronica Unieuro si aggiudica il primo posto, seguito dai competitors Expert e Euronics.

Tra le cause della perdita di posizioni della categoria elettronica, una potrebbe essere rintracciata nel Black Friday. Il venerdì nero e il Cyber Monday hanno sempre più peso nella distribuzione delle vendite durante l’anno, soprattutto per quanto riguarda l’acquisto di piccoli e grandi elettrodomestici e per articoli di tecnologia.

Sempre secondo quanto riportato da Tiendeo.it, negli ultimi due anni le visite relazionate ai saldi di gennaio hanno visto un aumento del 4%. Se però si mette a confronto questo dato rispetto all’aumento di interesse suscitato dal Black Friday il risultato è eclatante: +31%. Sembrerebbe che gli italiani si stiano muovendo sempre di più verso questa tradizione d’acquisto d’oltreoceano.
Se invece si paragona il numero di visite, quelle registrate durante il Black Friday sono il doppio rispetto a quelle registrate durante i saldi invernali, e raggiungono il +58% se comparate con i saldi estivi.

I dati di questo studio fanno riflettere sulle abitudini dei consumatori, e su come siano cambiate rapidamente nell’ultimo biennio. Se prima si aspettava l’arrivo dei saldi dopo il Natale per fare gli acquisti importanti, ora si ha già comprato in anticipo durante il Black Friday, e si arriva ai saldi di gennaio con gli armadi pieni e la necessità di risparmiare, reduci dalle grandi spese natalizie.

Leave a Comment