fbpx
  • SEZIONI
Bonomi – VIRGO Miscelatore monocomando per lavabo
ph.Clerici&A
ph.Clerici&A

La rubinetteria Virgo, disegnata da Brian Sironi per Bonomi Contemporaneo Italiano, ha conquistato il Good Design Award 2012, il più prestigioso e antico riconoscimento mondiale per le novità del settore design.

Good Design, marchio registrato dal Chicago Athenaeum, il Museo di Architettura e Design, è promosso in collaborazione con lo European Centre for Architecture Art Design and Urban Studies e viene assegnato annualmente ai prodotti più innovativi realizzati in Europa, Asia, Africa, Nord e Sud America.

Per il 2012 la giuria, composta da professionisti ed esperti del settore, specialisti industriali e stampa specializzata, ha selezionato i vincitori tra diverse migliaia di prodotti provenienti da 48 paesi di tutto il mondo. I criteri di selezione sono gli stessi dal 1950: innovazione, forma, materiali, costruzione, concept, funzione, utilità e sostenibilità, oltre che estetica. I prodotti premiati vengono esposti in maniera permanente all’interno del Chicago Athenaeum.

Virgo, con la sua linea flessuosa e semplicissima  (un tubo  Ø36mm che dal lavabo disegna una S verso l’alto), richiama il flusso dell’acqua, l’ansa di un fiume, o il connubio femminile-acquatico. Tre i modelli proposti: miscelatore monocomando per lavabo, miscelatore monocomando per bidet e miscelatore a parete per vasca.
Anche nella dinamica di erogazione il miscelatore Bonomi Virgo si differenzia dai classici rubinetti: l’acqua, infatti, fuoriesce dal corpo stesso del miscelatore,  senza far percepire una vera e propria bocca di erogazione: “il primo miscelatore femmina”, appunto!

Bonomi Virgo è disponibile nella sola finitura cromo.
Prezzo al pubblico  a partire da € 484 + IVA
Per informazioni 030-8922121 www.idrosanitariabonomi.com

GOOD DESIGN AWARD
Il premio è stato ideato a Chicago nel 1950 da Edgar Kaufmann Jr, curatore e fondatore del Museum of Modern Art di Chicago, in collaborazione con gli architetti e designer Ray Eames Russel Wright, George Nelson e Eero Saarinen.
Le categorie di prodotti prese in considerazione includono apparecchiature elettroniche e medicali, articoli da cucina e bagno, attrezzature sportive, casalinghi, elettrodomestici, grafica e packaging, illuminazione e ambienti urbani, materiali da costruzione, mobili, moda e tessuti, prodotti per ufficio, robotica e bionica, strumenti industriali, veicoli.
Il logo, che consiste in un cerchio iscritto in un quadrato e recante la scritta GOOD DESIGN, è stato ideato dal grafico Mort Goldsholl.
Informazioni: www.chi-athenaeum.org/gdesign

BRIAN SIRONI

Brian Sironi nasce a Seregno (MI) nel 1977. Si laurea in Disegno Industriale presso il Politecnico di Milano e prosegue la sua formazione collaborando con architetti e designer. Il suo percorso formativo si colloca nel cuore della Brianza, a contatto con varie professionalità del sistema-design: falegnami, fabbri, intagliatori, tappezzieri. Una formazione metà artigianale e metà accademica, con un radicamento sul territorio che è parte integrante del suo progetto di designer italiano e cosmopolita. Infatti prosegue il suo percorso negli Stati Uniti e al suo ritorno, nel gennaio del 2008, fonda il suo studio. Nei suoi progetti si concentra sulla ricerca di forme pure e sulla facilitazione del rapporto fra prodotto e utente. Il suo proposito è migliorare la vita di ogni giorno aggiungendo un po’ di meraviglia, un piccolo stupore di fronte al dettaglio di un oggetto o al funzionamento di un meccanismo.
Nel 2010 è selezionato per l’esposizione “The New Italian Design Reloaded” presso La Triennale di Milano ed il museo Santralistanbul ad Istanbul.
Il suo progetto più importante è la lampada Elica prodotta da Martinelli Luce, che si aggiudica numerosi riconoscimenti: il premio Design dello Stupore nell’ambito del concorso Young & Design (2009), il prestigioso premio internazionale IF Gold Award (2010), il Good Design Award (2011), il Red Dot Design Award (2011). Ed è sempre grazie alla lampada Elica che, a soli 33 anni, nell’edizione del 2011, vince il Compasso d’Oro ADI.

 

Leave a Comment