• SEZIONI
boutique hotel_destinazioni viaggio

“Viaggi e design” sta diventando per molti un binomio inscindibile, non solo per i viaggiatori con alte possibilità di spesa; persino i backpacker hanno imparato a cercare (e trovare facilmente) gli ostelli in cui il design – anche self made, artigianale o eco compatibile – assecondi dei parametri estetici e delle peculiarità uniche, di estetica e comfort.

C’è poco da stupirsi perché il design, come la moda, dettano i cambiamenti della società e sono un modo come un altro per conoscere una cultura non solo nel suo passato ma anche e soprattuttonel suo presente.

In questa capacità narrativa risiede uno dei segreti del successo dei boutique hotel, accommodation uniche nel design ma anche nell’esperienza tailor made per gli ospiti.

Noti per essere non certo la soluzione più economica in viaggio, ci sono delle città, anzi delle capitali europee, in cui le accommodation di design e i boutique hotel hanno lo stesso costo di un tre stelle nelle città più note al turismo internazionale.

Questi luoghi dal sapore unico e dai costi per noi contenuti stanno contribuendo ad aumentare l’amore dei turisti per le città che li ospitano e condurre un numero sempre crescente di viaggiatori in queste destinazioni.

Dando a tutti la riprova di quanto il design faccia bene al turismo, scopriamo insieme i Boutique Hotel d’Europa economicamente accessibili, in 4 bellissime capitali.

Sofia, Bulgaria 

Sofia lascia a tutti respirare la sua aria ricca di storia, sincretismo, energia e ripresa.
Il boutique hotel Les Fleurs ha richiami boho, un assetto familiare ma lussuoso al contempo ed è forse tra le accommodation più instagrammabili d’Europa.
Il Viko Boutique Hotel ha invece toni più sobri ed eleganti: se Les Fleurs è come un fluttuante abito da gitana, Viko è un sobrio abito da cocktail impreziosito da una collana di perle.
Entrambi nel centro della città, hanno due voci diverse nel parlare di lusso ma hanno in comune costi simili ad un tre stelle periferico di Roma o Parigi. 

Belgrado, Serbia

Città romantica che si racconta attraverso i suoi spazi verdi, i suoi castelli, le sue chiese e le sue ancora palesi ferite storiche, Belgrado è tra le città che più stanno conquistando il cuore dei turisti italiani.
Square Nine è un hotel che si presenta da fuori come una regolare scatola di legno, quasi un soprammobile elegante sulle mensole della città. Interior spaziosi, eleganti e minimal anche negli angoli relax (che includono anche spa e piscina). L’ordine e il comfort continuano nelle sue aree comuni, nel ristorante fusion e nelle stanze.

L’essenzialità di legno, pelle e marmo ridanno tranquillità e ordine mentale.

Tirana, Albania

In una delle città più particolari e di certo più economiche d’Europa, nella parte più nuova del vecchio continente, si trova un boutique hotel in cui un last minute può costare persino meno di 30 euro a notte. E sì, stiamo sempre parlando di hotel di lusso, di Boutique hotel.
è il caso di Areela Boutique Hotel di Tirana, che unisce il design classico a uno stile moderno, anche grazie alle opere di artisti contemporanei esposte alle pareti di ogni stanza e delle aree comuni.

Sarajevo, Bosnia

Una metropoli variegata, ricca di culture diverse e contaminazioni, Sarajevo vanta molteplici “centri città”.

In uno di questi, vicino al Ponte Latino (all’ingresso del quartiere islamico e a pochi passi dalla celebre fontana moresca Sebilj), c’è l’Hotel Boutique Libris.
Camere e mini appartamenti in cui  sono protagonisti colori pastello e moderni sistemi di illuminazione che utilizzano faretti e quinte, uniti a lampade e lampadari dalle forme più particolari.
Se la bellezza non ha prezzo, un pernotto qui non supera le 50 euro.

di Sabrina Barbante, travel & design blogger per In My Suitcase  

 

Leave a Comment

Iscriviti alla newsletter