fbpx
  • SEZIONI
Cabinet of Curiosities_2
Installazione: P.Lissoni
Prodotti: sistema Storage di P. Lissoni; scatole in legno di P.Cazzaniga, Front, Gamfratesi, P. Lissoni, LucidiPevere, A. Mendini, Neri&Hu, C.Pillet, Soda Des/gners
14/19 aprile h. 10:00 – 21.00
13 aprile press preview h. 10:00 – 20.00.
Cabinet of Curiosities_2Raffinate essenze, brillanti laccature e dettagli preziosi: nello showroom Porro di via Durini 15 è di scena l’istallazione “Cabinet of Curiosities”, in cui la cabina armadio Porro si trasforma in un luogo di sogno ed evasione, alla scoperta delle sorprendenti scatole in legno firmate da progettisti internazionali per celebrare i 90 anni del marchio.
Protagonista principale dell’allestimento è Storage, il sistema modulare in grado di contenere e di mostrare gli oggetti riposti trasformandosi con naturalezza da armadio a cabina.
Capace di annullare la sua presenza in ambienti dalle dimensioni contenute, Storage è al contempo ideale per definire spazi ampi creando inedite scenografie dell’abitare, così prezioso ed accogliente da diventare un vero e proprio rifugio dove sostare e rilassarsi, dedicarsi del tempo e perdersi nella cura di se.
In una caccia avventurosa tra le mensole e i cassetti di Storage, verrà svelata la prima parte della collezione di scatole in legno ideate dai designer che negli anni hanno contribuito al successo dell’azienda e da alcuni nomi trasversali, invitati ad utilizzare liberamente le essenze della nuova collezione legni Porro giocando con le forme e sperimentando particolari modalità di apertura.
Proseguendo il percorso di ricerca sul legno che contraddistingue l’azienda e partendo dal tema del “contenere” tipico del suo lavoro sui sistemi, daranno il loro personale contributo tra gli altri, Piergiorgio Cazzaniga, le Front, Gamfratesi, Piero Lissoni, LucidiPevere, Alessandro Mendini, Neri&Hu, Christophe Pillet, Soda Des/gners ed altri nomi speciali, invitati a  “testare” in prima persona l’alta qualità tecnica, materica ed estetica di ogni creazione Porro e la sua capacità di seguire i desideri di ogni progettista eseguendo un ampio spettro di personalizzazioni.
Se la scatola di Piergiorgio Cazzaniga si ispira alla “meda”, la catasta di legname che storicamente si faceva in tutti i paesi, apparendo come un’architettura giapponese in miniatura di pieni e di vuoti, la scatola di Gamfratesi è un omaggio al logo Porro disegnato nel 1966 da Bruno Munari, con la sua forma ad O che si apre come una coccinella, mentre la scatola di LucidiPevere è realizzata con un foglio di impiallacciatura curvato su se stesso e tenuto chiuso da un giunto di ottone che funge da sistema di apertura.

Leave a Comment