fbpx
  • SEZIONI
Come e perché usare il colore negli interni

È un tema spesso sottovalutato, quello dell’utilizzo del colore negli interni. Infatti è fondamentale, grazie al suo linguaggio non verbale, per contribuire al nostro benessere indoor e utile anche per correggere le dimensioni degli ambienti.

Ma partiamo dall’inizio: cos’è il colore?
Il colore è energia elettromagnetica, luce, e ne abbiamo bisogno a livello fisiologico, così come abbiamo bisogno del sole. Riconoscere i colori è servito all’uomo primitivo per sopravvivere ed evolversi e queste sensazioni fanno ancora parte del nostro patrimonio genetico. Non è un caso che, ad esempio, il blu sia un tono che ci tranquillizza o che il rosso/arancio ci ricordi il cibo.

Il colore ha un grande potere e ruolo: coinvolgere silenziosamente i sensi. Considerate che spazi troppo bianchi o troppo neutri possono risultare poco stimolanti, finendo per influenzare negativamente il nostro umore. Così come tante tinte e troppo accese possono metterci in uno stato di agitazione. Questo perché i colori emanano delle vibrazioni e, anche se non ce ne accorgiamo, siamo influenzati dalla loro energia. La regola per una giusta dose non c’è, perché molto dipende dall’ampiezza e dalla luce naturale che gli ambienti ricevono; tuttavia, è sempre buona norma essere parsimoniosi, soprattutto con le tinte più accese, e introdurre a poco a poco il colore nell’ambiente, provando anche con complementi di arredo o tessili. Inoltre, più gli spazi sono grandi e luminosi, più potete osare con il colore; se avete dimensioni più ridotte, usatene meno.

Possiamo inoltre usare il colore per correggere le proporzioni degli interni a livello percettivo. Per esempio, se avete spazi piccoli, scegliete colori chiari e freddi – ovvero i toni dell’azzurrino o del verde – perché danno l’impressione che le pareti siano più lontane. Al contrario, i colori caldi – come i toni del giallo, dell’arancio o del rosso – sono di aiuto per rimpicciolire un grande ambiente, in quanto faranno avanzare otticamente i muri. Potete poi usare un tono molto scuro per avvicinare una parete: sia per abbassare l’altezza di un interno troppo alto, dipingendo il soffitto, sia per accorciare un corridoio stretto e lungo, colorando la parete di fondo. Oppure, se volete definire meglio un volume, potete evidenziarlo tinteggiando le sue superfici di una stessa tonalità, come nel progetto dell’immagine in alto.

Sono davvero tanti i modi in cui poter usare il colore negli interni, sia per migliorare il nostro benessere interiore, sia per modificare eventuali sproporzioni dello spazio fisico intorno. Quali tonalità scegliere? Lasciatevi guidare dal vostro istinto!

Progetto colore in foto a cura di ZeumaDesign

Leave a Comment