fbpx
  • SEZIONI
M

MLa parola a due importanti storyteller del panorama italiano: il pubblicitario e artista multidisciplinare Lorenzo Marini, annoverato tra i più grandi creativi italiani con quasi 300 premi vinti e la flower designer e conduttrice televisiva Silvia Lora Ronco, conosciuta come Silvia Deifiori

All’interno di una serie di eventi targati Expo Milano 2015 sul tema “La cultura della protezione e della sostenibilità”, è proseguito il dialogo iniziato all’Expogate di Milano all’inizio di ottobre in occasione dell’incontro “Dal buon cibo al cibo giusto”. Ecco una breve intervista che dà il senso di questo incontro da parte dei due storyteller Lorenzo Marini e Silvia Deifiori.

Lorenzo Marini, oltre che pubblicitario, è anche scrittore (ha pubblicato alcuni saggi e due romanzi) e artista multidisciplinare, essendosi dedicato negli anni a numerose attività tra cui la regia e la pittura e si è aggiudicato quasi 300 premi nell’ambito della creatività; ha spiegato in questo modo il concetto alla base dell’armonia, energia per la vita: “la parola d’ordine di questo decennio è ‘armonia’, non più provocazione né impatto né scandalo. L’armonia è la chiave di volta di un problema che vede il buono contrapporsi al sano. Si pensa infatti generalmente che quello che è buono non fa bene e ciò che fa bene non è né buono né gratificante. Le cose potrebbero però non stare più in questo modo; questo evento si è focalizzato sul cibo giusto, che è un’interpretazione corretta del pensiero dominante: unisce il buono a ciò che fa bene; stiamo cavalcando così, con questo tema, il mood del momento che è l’armonia”.

Silvia Lora Ronco, conosciuta come Silvia Deifiori, lavora con la creatività e l’arte del riciclo e ha evidenziato: “il mondo è pieno di stimoli; anche sgranandoli, i nostri occhi non saranno mai abbastanza grandi per coglierli tutti. E parlando di fiori: l’incontro intimo con questi esseri crea in me pace, sono inerte davanti a loro, l’unica regola che seguo è quella di pormi sempre al servizio dei fiori e non viceversa, non manipolo la loro bellezza ma la assecondo. Di fronte alla bellezza di un fiore vi suggerisco di fermarvi ad osservarla e coglierla, anche se per un solo istante: vi regalerà un pieno di energia positiva”.

 

Leave a Comment