fbpx
  • SEZIONI

I frati chiamati eremiti di S. Francesco, e poco dopo Cappuccini, giunsero a Mesagne nella prima metà del ‘500, chiamati dall’arciprete (poi vescovo) Lucantonio Resta. Si stanziarono nei pressi della chiesetta di santa Maria di Stigliano, in alloggi che presumibilmente erano in origine la dimora dei monaci basiliani.

Tra il 1552 ed il 1554, per volere dell’Universitas, del clero e del popolo, fu edificato il Convento vero e proprio di lato alla chiesa, convento celebre per i molti religiosi pii e illustri che vi abitarono, e vi fu tumulato anche il Padre Giacomo da Molfetta, morto in concetto di santità.

Tra gli altri ospiti del convento, il padre Pietro da Mesagne “sacerdote di molte virtù, e che ancora operò molti miracoli” morto nel 1576.

Per la soppressione di molti istituti ecclesiastici, nel 1866 i cappuccini dovettero abbandonare il convento, che negli anni a seguire fu oggetto di diversi usi. Venne infatti adibito a caserma delle Guardie Doganali di Brindisi, poi a scuola e asilo di mendicità ed infine a carcere mandamentale e deposito comunale. Oggi, dopo essere stata anche sede di albergo, questa struttura ospita l’Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo.

La struttura

Nell’edificazione del convento, la Chiesa, a unica navata con volta a botte, in cui sono stati ritrovati i resti di un affresco di origine bizantina, è stata inglobata nella struttura conventuale.

Alla Chiesa si accedeva direttamente da un locale al piano terra del convento, forse la sacrestia, attraverso un percorso nei corridoi interni.

L’ingresso del convento era posto sulla facciata principale a lato di quello della chiesa. A piano terra si trovava un chiostro quadrato con al centro un pozzo, le officine, la portineria, la cucina, il refettorio, l’infermeria ed alcune celle per il frate portinaio ed i terziari.

Al primo piano si trovavano le celle dei frati, che dovevano essere una trentina. A causa dei diversi interventi sulla struttura e delle diverse destinazioni d’uso negli anni, molti muri divisori sono stati abbattuti ed alcune celle sono state collegate tra di loro.

Leave a Comment