fbpx
  • SEZIONI
inDITO

Il ditale è un oggetto utilizzato da migliaia di anni, con forme diverse a seconda del tipo di tessuto da cucire.
Nel corso dei secoli è stato realizzato con materiali di pregio, trasformato in piccolo oggetto ornamentale, così da divenire, oltre a uno strumento da utilizzare, anche un prezioso gioiello da sfoggiare.
Con scritte, disegni e motti, di smalto o di porcellana, diventa un ricordo e un oggetto da collezione.
All’inizio del diciannovesimo secolo inizia la produzione industriale: il metallo diventa sottile, la punta piuttosto piatta e la distribuzione dei piccoli fori più regolare.
Vito Nesta parte da quest’oggetto, così meravigliosamente geometrico e così ricco di storia, e gli conferisce un’altra identità: diventa un vaso di nome “inDITO”.
Un vaso di ceramica di vari colori, che riproduce fedelmente il ditale, con dimensioni più grandi, diventa un elemento d’arredo poetico e ironico.

Carlo Piras

 

Il processo di fabbricazione

Si inizia lavorando sul modello in gesso creato dall’artista; dopo l’essiccamento viene rivestito con uno strato di circa due pollici di creta, materiale modellabile che ha la qualità di non aderire in modo permanente all’intonaco sottostante; su di questo viene adagiato un secondo coperchio, nel quale, secondo la forma e le dimensioni del modello, si creano due o più ancore che permettono l’apertura e la chiusura del guscio, creando una cavità tra il rivestimento esterno e il modello interno in gesso.
I vasi sono costituiti da una miscela di un composto di terracotta con cristalli colorati. Il processo inizia con un pezzo fuso in negativo.
La prima cottura conduce al primo pezzo chiamato “biscotto“, ed è realizzata ad una temperatura di 1000 gradi. Dopo che i “biscotti” sono pronti, saranno cotti ancora e cristallizzato con lo smalto cristallino a una temperatura di 975 gradi in modo da ottenere un bianco puro.
Poiché il bianco è la base, si possono comunque realizzare altri colori semplicemente con l’aggiunta del cristallino del tono scelto e cuocendo nuovamente a 975 gradi.


 

 

Leave a Comment