fbpx
  • SEZIONI
Nicolas Calandri Turtle

L’argentino Nicolás Calandri è il vincitore della terza edizione del concorso promosso da Infiniti; una menzione speciale anche all’italiano Francesco Ludovico Bertin e agli spagnoli José López-Aguilar e Roger Castro.

Nicolas CalandriUna soluzione originale, pratica ma “rivoluzionaria”, in grado di rispondere ai moderni modi e spazi dell’abitare.

Si chiama Turtle ed è il progetto con cui il giovane designer argentino Nicolás Calandri si è aggiudicato la vittoria della terza edizione dell’Infiniti Design De-contest “Under R3v0lution Chairs”.

Ai partecipanti era stato chiesto, in particolare, di progettare una sedia pieghevole che, con carattere innovativo e rivoluzionario, si ispirasse all’identità e ai valori del marchio Infiniti, quali creatività, dinamismo e spirito cosmopolita.

Nicolas Calandri TurtleTurtle di Nicolás Calandri è un progetto che risponde appieno alle esigenze del vivere contemporaneo: questa sedia pieghevole, concepita in polipropilene, si distingue, oltre che per il suo aspetto formale organico, anche per l’immagine fresca e giovanile, quasi irriverente, che la rende un modello unico. A differenziarla dalla maggior parte delle sedie pieghevoli è l’avvolgente monoscocca tondeggiante che, combinata a funzionalità ed ergonomia, rende Turtle una sedia pieghevole diversa, in accordo con i sempre più ridotti e dinamici spazi abitativi.

A selezionare il vincitore, la giuria d’eccezione formata da Giovanni Pegoraro, presidente di Infiniti e OMP Group, Paolo Orlandini, architetto e designer, Paola Carimati, giornalista di Elle Decor, e Aurelio Magistà, direttore di RCasa.

Milly di Francesco Ludovico Bertin Considerate l’ampiezza e la qualità dei progetti arrivati, i giurati hanno deciso di assegnare una menzione speciale anche a Milly di Francesco Ludovico Bertin, sedia in legno dal segno nordico, e ad Unplec del duo spagnolo José Lopez-Aguilar e Roger Castro, progetto che unisce al valore etico quello ludico.

«Questa edizione dell’Infiniti Design De-contest – racconta Marco Ceccato, sales manager di Infiniti – ha riscontrato un ottimo successo, sia per la nutrita adesione di partecipanti provenienti da tutto il mondo, sia per l’alta qualità dei 600 progetti presentati.»

Anche la scelta di limitare la partecipazione ai soli designer under 30 è risultata vincente: «Con questo concorso Infiniti ha voluto dare ai designer l’opportunità di valorizzare al meglio il loro talento e la loro creatività; le idee che ci sono giunte sono veramente Unplec di Jose Lopez-Aguilar e Roger Castroinnovative e “rivoluzionarie” come ci aspettavamo e, – continua Marco Ceccato – con il premio abbiamo voluto stimolare i giovani a coltivare la loro curiosità, spingendoli a fare ricerca e aiutandoli a trovare la loro strada.»

Il vincitore è stato premiato martedì 9 aprile 2013 presso lo stand di Infiniti al Salone del Mobile di Milano.

In quella occasione erano presenti i designer Alessandro Masturzo e Filippo Mambretti, che hanno presentato i prodotti con cui vinsero la prima edizione del concorso ed oggi entrati nel catalogo 2013 di Infiniti.

 

www.infinitidesign.it

 

Leave a Comment