fbpx
  • SEZIONI
Insilvis STONES, rosso e bianco

Il sasso ha una vita lunga e intensa.

Già non si ricorda più la sua remotissima genesi, sotto l’influsso di forze primordiali che innalzavano i sedimenti del mare verso il cielo.

Insilvis STONES, sabbia
Insilvis STONES, sabbia

Poi il riposo senza tempo nel ventre silenzioso e buio della montagna.

Ma esisteva un vivido mondo esterno, dove l’acqua e il ghiaccio, il calore e il gelo modellavano e incidevano senza sosta i pendii e gli avvallamenti.

 

Insilvis STONES, rosso e bianco
Insilvis STONES, rosso e bianco

 

Fino a quando, goccia a goccia, raggio dopo raggio, questo mondo esterno raggiungeva l’esterno, liberandolo alla corsa strofinata  lungo torrenti prima ripidi ed esuberanti, poi orizzontali e quieti, in infiniti rami verso il lontanissimo mare.

Sopra, l’azzurro del cielo, il buio della notte, i disegni cangianti delle nuvole, le imprevedibili  riflessioni della luce.

Insilvis STONES,  bianco
Insilvis STONES, bianco

Texture e colori raccontano questo lunghissimo percorso, come identità genetica di unicità irripetibili.

Il cono di fissaggio, finemente tornito in acciaio inossidabile, offre allo spazio la forma, densa di segni, colori e peculiarità epidermiche.

 

Insilvis STONES,  sale e pepe
Insilvis STONES, sale e pepe

INSILVIS

Collezione di appendiabiti da parete.

Leave a Comment