fbpx
  • SEZIONI
IMG_0389

Bruno Pizzul e Maria Teresa Ruta nello spot

con i ragazzi ex carcere minorile Beccaria

on air grazie al supporto dell’Ambito Sociale dell’Inter

Lo spot, che ha l’obiettivo di sensibilizzare e far conoscere la comunità di recupero milanese fondata da Don Claudio Burgio, sarà on-air in anteprima sui maxischermi dello stadio San Siro in occasione del derby Inter-Milan del prossimo 6 maggio

In occasione del derby Inter-Milan del prossimo 6 maggio, grazie al supporto dell’Ambito Sociale F.C. Internazionale Milano, verrà trasmesso sui maxischermi di San Siro lo spot “Kayrós, è il momento: giochiamo” della comunità Kayrós, associazione milanese che accoglie minori in difficoltà.

I ragazzi ospiti della comunità di recupero sono i protagonisti, insieme a Bruno Pizzul e Maria Teresa Ruta, delle riprese avvenute in un campetto di calcio di Vimodrone, alla periferia di Milano – sede della comunità di recupero – nel quale giocano un “big match” allenato da Don Claudio Burgio, fondatore di Kayrós e cappellano del carcere minorile milanese Beccaria.

Regista dello spot Gianluca Brezza, specializzato in fiction per ragazzi e lavori in ambito documentaristico. Produce lo spot la casa di produzione Blulife (www.blulife.tv).

“Kayrós, è il momento: giochiamo” è lo spot in cui si mette in scena una partita il cui premio non è una semplice coppa ma un avvenire migliore, perché “Non esistono ragazzi cattivi” come afferma il titolo del libro di Don Claudio Burgio, tratto dalla sua esperienza in Kayrós.

Un match del genere poteva essere commentato solo dalla “voce” dello sport per eccellenza: il celebre telecronista Bruno Pizzul. Madrina dello spot è la conduttrice e giornalista tv Maria Teresa Ruta, altro testimonial d’eccezione.

Commenta Don Burgio: “Ringrazio tutti coloro che hanno messo a disposizione la loro professionalità per la realizzazione di questo spot. Un particolare grazie è rivolto all’Ambito Sociale F.C. Internazionale Milano che permetterà la messa in onda del video durante il derby. Questo progetto vuole sensibilizzare il pubblico dei tifosi verso una realtà, quella dei ragazzi difficili, percepita come distante dalla loro, ma in realtà i problemi dei ragazzi Kayrós potrebbero essere i problemi dei loro figli, per questo dobbiamo cercare di risolverli insieme.”

KAYROS. Un tempo per crescere

Kayrós è il termine che in greco indica il tempo opportuno, favorevole, ed è stato scelto per chiamare l’associazione che nasce dal desiderio condiviso da don Claudio Burgio e da alcune famiglie di rispondere al bisogno di accoglienza dei minori che, per diverse ragioni, vivono situazioni di difficoltà; per offrire loro, attraverso l’esperienza della vita, un tempo positivo di crescita.

L’associazione nasce nel 2000 a Lambrate e si sviluppa successivamente a Vimodrone e Segrate in una prospettiva di forte integrazione con il territorio, ed ora ha una sede anche a Milano.

Kayrós accoglie ragazzi italiani e stranieri inviati dai Servizi Sociali di riferimento o segnalati dal Tribunale per i Minori.

Nel 2006 ha preso avvio il progetto di semi-autonomia e autonomia rivolto ai giovani maggiorenni che necessitano di completare il percorso iniziato nelle comunità residenziali, per consolidare il percorso educativo verso la piena autonomia.

Nel 2007 l’accoglienza si apre ai minori con precedenti penali in corso, in collaborazione con il Centro di Giustizia Minorile di Milano.

L’associazione Kayrós, con il crescere del suo radicamento nel territorio, ha sviluppato l’offerta di altri servizi:

  • formazione al volontariato e conduzione di gruppi familiari per l’accoglienza
  • servizi di orientamento ed inserimento scolastico/lavorativo per i minori accolti e del territorio
  • attività di promozione delle risorse giovanili attraverso musica e sport
  • sportelli d’orientamento legale per stranieri e di mediazione familiare
  • percorsi di educazione alla legalità nelle scuole e negli oratori

organizzazione e gestione di momenti formativi rivolti a genitori, insegnanti, operatori sociali.

Leave a Comment