fbpx
  • SEZIONI
_55U2426

GALLARATE
ALLA BASILICA DI SANTA MARIA ASSUNTA
L’ALTARE E L’AMBONE DI CLAUDIO PARMIGGIANI:
UN CAPOLAVORO DI ARTE SACRA CONTEMPORANEA

L’iniziativa si completa al Museo MA*GA con la presentazione dei documentari sulle opere storiche di Claudio Parmiggiani e con la mostra di Armin Linke dal titolo Moltiplicazioni che documenta un progetto di rilevanza religiosa, civile ed estetica.

 

Da domenica 11 novembre 2018, Gallarate (VA) accoglie un capolavoro d’arte sacra contemporanea.
Claudio Parmiggiani
, uno degli autori più importanti e riconosciuti a livello internazionale, ha progettato e realizzato l’Altare e l’Ambone per la Basilica di Santa Maria Assunta: due opere straordinarie, per significato, collocazione e fattura estetica.

L’iniziativa nasce dal desiderio a lungo coltivato dalla Comunità Parrocchiale di restituire alla sua bellezza e funzionalità liturgica la Basilica di Gallarate, desiderio reso possibile dalla generosità del benefattore Franco Moggio e dal Prevosto Mons. Ivano Valagussa che ha presieduto una commissione composta da mons. Giancarlo Santi, padre Andrea Dall’Asta, arch. Carlo Capponi, mons. Claudio Magnoli, prof. Francesco Tedeschi, sig. Giovanni Orsini e prof. Emma Zanella per il Museo MA*GA.

Questo autorevole organismo ha lavorato nella identificazione dell’area del presbiterio, nella scelta dell’artista e del suo accompagnamento per la realizzazione del progetto.

L’opera artistica della mensa eucaristica, dell’ambone e dell’area del presbiterio sono stati commissionati al maestro Claudio Parmiggiani.

La direzione dei lavori è stata affidata all’arch. Paolo Gasparoli e all’arch. Fabiana Pianezze.

Il nuovo Altare, consacrato domenica 11 novembre 2018 da Sua Eccellenza Mons. Mario Delpini, Arcivescovo di Milano, è realizzato in onice bianco, materiale vitale trasparente alla luce, ed è costituito da una moltitudine di volti, maschili e femminili, pagani e cristiani, i cui caratteri stilistici rimandano a un immaginario classico, alla storia della Chiesa e dell’intera umanità che si riunisce nel corpo di Cristo.

L’Ambone, invece, a differenza della complessa articolazione dell’altare, si presenta con forme particolarmente semplici, essenziali. È un parallelepipedo realizzato in pietra labradorite, scelta per i suoi riflessi metallici, azzurri, dorati e per la sua luce interiore.

L’iniziativa si completa al Museo MA*GA – dall’11 novembre 2018 al 24 febbraio 2019 – con la presentazione di una serie di filmati che documentano alcune tra le opere più significative di Claudio Parmiggiani e dalla mostra Moltiplicazioni di Armin Linke con opere appositamente prodotte per l’occasione.

La videografia di Claudio Parmiggiani e la mostra di Armin Linke, sono entrambe legate a questo straordinario evento religioso e artistico, punto di riferimento per la città di Parma, insieme al MA*GA sempre più attivo in ogni iniziativa ed evento culturale.

Ricola, partner istituzionale del Museo, offrirà l’ingresso gratuito al MA*GA nel weekend di sabato 17 e domenica 18 novembre, e sarà in più lieto di dare il benvenuto ai visitatori, a partire dalle 15.00, con la degustazione delle sue benefiche tisane presso il bar del MA*GA.

 

L’altare e l’ambone di Claudio Parmiggiani
Gallarate (VA), Basilica di Santa Maria Assunta

Armin Linke. Moltiplicazioni
Claudio Parmiggiani. Documentari

Gallarate (VA), Museo MA*GA (via E. de Magri 1)
11 novembre 2018 – 24 febbraio 2019

Museo MA*GA
Gallarate, Via E. de Magri 1
Tel. +39 0331 706011; info@museomaga.itwww.museomaga.it

Orari
Lunedì chiuso; martedì-venerdì, 10|13.00 – 14.30|18.30; sabato e domenica, 11.00|19.00

Ingressi
€ 7,00 intero;
€ 5,00 ridotto per studenti fino ai 26 anni, over 65, tesserati FAI – Fondo Ambiente Italiano; Touring Club Italiano, Soci Gite in Lombardia

Gratuito per i minori di 14 anni, disabili che necessitano di accompagnatore, accompagnatore del disabile; dipendenti MIBAC accompagnatori e guide turistiche Regione Lombardia, 1 insegnante ogni 10 studenti, membri ICOM, soci AMACI, Amici del MA*GA; giornalisti accreditati, giornalisti con tesserino in corso di validità.

Leave a Comment