• SEZIONI
MIART2019_OFFICIAL_LOWRES_02

Il 2 gennaio 2019 si è tenuta a Palazzo Marino la conferenza stampa di presentazione di Miart, la fiera internazionale di arte moderna e contemporanea organizzata da Fiera Milano e diretta da Alessandro Rabottini, che dal 5 al 7 aprile 2019 sarà ospitata nel padiglione 3 di Fieramilanocity.

Epicentro della Milano Art Week, Miart racconta diverse forme d’arte e ha l’ambizione di riconfermarsi ogni anno come importante fiera di riferimento dell’intero art system, così come di diventare una piattaforma di osservazione rispetto a quello che succede in questo momento nella società.

Fino al giorno dell’apertura Miart sarà promossa dalla campagna visiva Horizon.

Questa vuole essere un racconto per immagini per celebrare il tema dell’arte, con protagonisti degli adolescenti, ritratti nell’arco di una giornata estiva a contatto con la natura.

L’attenzione nel racconto si focalizza principalmente sull’acqua, elemento simbolo di viaggio e trasformazione, che offre la visione dell’arte come luogo di esplorazione, scoperta e mutamento.

L’osservazione della società moderna ha portato gli organizzatori di Miart a porsi una domanda fondamentale: di cosa ha bisogno l’arte in questo momento?

La risposta ci viene data da una frase tratta dal poema “hold everything dear” di Gareth Evans e che diventa emblema di Miart 2019: Abbi cara ogni cosa.

L’arte, in questo periodo storico così delicato, caratterizzato da importanti cambiamenti climatici, sociali ed economici, necessita di attenzione e cura.

Proprio attenzione e cura per l’arte hanno portato Miart a fidelizzare i rapporti sviluppati negli anni con gallerie quali A Arte Invernizzi, Kaufmann Repetto, Dvir Gallery e tante altre, e a crearne di nuovi, permettendo l’esposizione in fiera di 45 nuove gallerie tra cui Cabinet, Marian Goodman Gallery e Tucci Russo, per un totale di 186 gallerie provenienti da 19 paesi diversi.

Miart è la fiera con la più ampia offerta cronologica di opere, che vanno da inizio ‘900 fino agli anni più recenti, e i tre giorni di esposizione saranno una valida occasione per riflettere sulla situazione attuale dell’arte contemporanea e sul valore dell’arte storica.

Di queste riflessioni saranno protagonisti i Miart talks, realizzati in collaborazione con la casa di produzione cinematografica In Beetween Art Film. I Miart talks nascono dall’idea che la fiera possa mettere insieme il mercato con un momento di riflessione e dialogo e durante le tre giornate 40 tra artisti, curatori, collezionisti, designer, direttori di musei e pensatori internazionali daranno vita a dibattiti e conversazioni aperti al pubblico e incentrati su un unico tema: il bene comune.

Durante la prima giornata si parlerà dell’arte contemporanea e su come questa si relazioni ai cambiamenti climatici sociali ed economici che stiamo vivendo, la seconda giornata avrà come protagonista lo stato della diffusione e la promozione dell’arte italiana come bene comune a livello internazionale, mentre la terza giornata sarà incentrata sul concetto di design in relazione allo spazio pubblico.

Per Miart l’arte è un importante momento di inclusione sociale, per questo per il secondo anno consecutivo sarà disponibile al pubblico il servizio mi art educational, offerto dal Fidenza Village e che mette a disposizione visite guidate gratuite per i visitatori della fiera.

Ogni partner di Miart ricopre un ruolo fondamentale per lo sviluppo di un preciso progetto culturale, a partire dai già citati In Beetween Art Film e Fidenza Village, fino ad arrivare al main sponsor Intesa Sanpaolo, presente alla fiera con il servizio di art advisory di Intesa Sanpaolo Private Banking.

Anche per questa edizione Fondazione Fiera Milano conferma il supporto a Miart attraverso il proprio fondo acquisizioni, ulteriore riconoscimento del fatto che la mostra è ormai diventata una delle manifestazioni di livello internazionale per l’intero settore, una Fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea che rappresenta un importante fattore di attrattività per Milano.

Saranno cinque i premi che Miart assegnerà alle gallerie e agli artisti, premi che da anni confermano la stretta collaborazione tra la fiera e i suoi partner: Fondo di Acquisizione Fondazione Fiera Milano, Premio Herno, Premio Fidenza Village per Generations, Premio On Demand by Snaporazverein, Premio LCA per Emergent e Premio Rotary Club Milano Brera per l’Arte contemporanea e i giovani artisti.

Leave a Comment

Iscriviti alla newsletter