• SEZIONI
IMG_20200125_183056

Durante il weekend noi di Design-Me ci siamo divertiti ad esplorare Milano e abbiamo scoperto come è facile fare un viaggio in giro per il mondo senza spostarsi di un passo dalla nostra città.

Gli eventi a cui abbiamo partecipato ci sono stati offerti da “HOTEL A MILANO“, ma tutte le opinioni che troverete in questo articolo sono nostre.

Abbiamo fatto un viaggio tra Cina, Giappone, Israele e America, partendo dalla mostra “L’Esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina”, ospitata nell’affascinante cornice della Fabbrica del Vapore.

Una mostra affascinante ed educativa, che ci ha fatto conoscere gli usi e i costumi della vita della Cina Antica grazie alle statue e agli oggetti ritrovati nella necropoli di Xi’An e ora diventati patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

Abbiamo continuato il nostro viaggio in giro per il mondo al Pirelli Hangar Bicocca, con la mostra “…The Illuminating Gas” di Cerith Wyn Evans, che ci ha incantato con le sue sculture sinuose realizzate interamente di luci al neon.

Le nostre preferite sono state Neon Forms (after Noh), ispirata ai movimenti tipici degli attori del teatro Noh giapponese e Radiant Fold, un’installazione ispirata all’opera “Le grand verre” di Marcel Duchamp.

Sempre nella cornice dell’Hangar Bicocca siamo atterrati in Israele, grazie alla mostra permanente “I Sette Palazzi Celesti” di Anselm Kiefer, in cui sette torri in cemento armato si stagliano verso il cielo, ognuna con un significato diverso e profondo sull’esistenza, sulla storia e sul senso religioso insito nell’uomo.

“I Sette Palazzi Celesti” è una mostra imponente e intima allo stesso tempo, come intimo ed emozionante è stato il concerto di Joe Bastianich “New York Stories”, che da Milano ci ha trasportati direttamente nell’America degli anni Ottanta, in un’atmosfera country-blues alternata a momenti di puro rock tutta da ballare.

Il concerto si è tenuto all’EcoTeatro, un teatro leggermente fuori mano e dall’arredamento un po’ antiquato, ma che guadagna punti per il suo nobile principio: essere il primo teatro a gestione ecosostenibile di Milano.

Dopo lo spettacolo è arrivato il momento di cenare, e come potevamo concludere alla grande il nostro “viaggio” in America, se non con un gustosissimo hamburger da Burgez?

Con la cena siamo arrivati alla fine del nostro viaggio, in uno dei quartieri più vivi e vibranti di Milano: Isola.

Qui ci siamo goduti un ottimo drink al Frida e abbiamo brindato alla nostra Milano, una città meravigliosa che in un weekend è stata capace di farci viaggiare attorno al mondo, restando sempre coi piedi per terra.

Leave a Comment