fbpx
  • SEZIONI
2020-12-14 11.40.55 am

Un libro che sprona il lettore a riflettere e a ricoprirsi di umiltà per intraprendere una nuova strada nella riscoperta dei propri affetti e della gioia dei piccoli dettagli. È la storia di una rinascita alla quale nessuno dovrebbe mai rinunciare, un nuovo inizio in cui ognuno ha il diritto di credere e sperare, il nuovo romanzo Non smettere mai di pensarmi di Elena Ana Boata, scrittrice vivace e sensibile, da oltre 15 anni attiva sulla scena editoriale con opere per adulti e bambini pubblicate in diverse antologie, risultate finaliste e vincitrici di innumerevoli premi letterali.

Edito dalla casa editrice Kimerik, il libro dell’autrice poliedrica invita il lettore a fermarsi, a riprendere fiato e ad acquisire consapevolezza per poter ripartire, ancor più in un periodo storico in cui ci si è resi contro che sono proprio le piccole “cose” a fare la differenza.

Non è difficile, infatti, immedesimarsi nelle vite dei personaggi che popolano il libro di Elena Ana Boata, che, anche questa volta, riescono a sconvolgerci nel segno dirompente dell’amore; essi sono pieni di un ricco mondo interiore, nascosto all’apparenza e tutto da scoprire, sono fragili e forti al contempo, suscitano la curiosità e interrogano fin nel profondo dell’anima.

Non smettere mai di pensarmi è il coinvolgente racconto della vita del cinquantenne Massimo, che verrà stravolta a seguito di un inaspettato tragico evento. Da quel momento, tutte le certezze, che sembravano riempire con soddisfazione la quotidianità del benestante imprenditore, inizieranno a vacillare e tutto sarà rivalutato, con evidenti ripercussioni su ogni aspetto della sua esistenza. Ad essere messi in discussione non saranno solamente i rapporti con la sua famiglia, ma anche con i suoi amici più cari e con i colleghi di lavoro. Ma fondamentalmente a cambiare, sarà la percezione del mondo di Massimo, che con il supporto iniziale di una psicologa, si lascerà coinvolgere in nuove esperienze e situazioni di vita sino ad allora mai prese in considerazione. Aprirà i suoi occhi, ma soprattutto il suo cuore, a nuove amicizie, che inaspettatamente lo porteranno a riconsiderare la sua scala di valori. I tanti personaggi che intrecciano le loro esistenze, in quest’ultimo romanzo della Boata, sproneranno il lettore stesso, insieme al protagonista, a fermarsi e a riflettere su temi di evidente attualità. Nel romanzo infatti vengono affrontati con delicatezza ma anche con estrema lucidità e consapevolezza questioni quali l’immigrazione clandestina, la violenza di genere, i difficili rapporti tra genitori e figli e la nevrotica superficialità della routine della vita moderna. Un finale inaspettato farà da giusta cornice a questa avvincente opera di narrativa.

“Distratti dalla nevrotica routine di ogni giorno, perdiamo la cognizione di avere a portata di mano tutto ciò che ci è necessario – si legge nella prefazione. Dimentichiamo totalmente coloro i quali, invece, hanno perso quel poco che avevano, diventando una schiera muta di “invisibili” per la nostra società. Toccare con mano una realtà in cui vigono indifferenza ed emarginazione, crude e totali: sarà questa la scintilla che metterà in moto il cammino di ricostruzione di Massimo, che butterà giù l’impalcatura delle proprie certezze per ripartire da zero.

Il romanzo è da considerarsi una fonte preziosa di spunti di riflessione, in merito a tanti elementi che possono sconvolgere il nostro modo di vivere, anche per quanti conoscono da vicino le situazioni difficili descritte nelle pagine di Non smettere mai di pensarmi:  “Elena Ana Boata, con il suo romanzo ci fa entrare con garbo, attraverso la sua spiccata sensibilità, negli ambiti più profondi dell’animo umano – spiega la Dott.ssa Noemi Montani, assistente sociale Area Minori – Famiglia  di Adulti Fragili, progetto di integrazione socio-sanitaria rivolto a persone adulte in stato di non autosufficienza e fragilità sociale. Gli episodi traumatici vissuti da Massimo, il personaggio principale del romanzo, hanno sovvertito improvvisamente tutte le sue convinzioni riguardo il valore e l’unicità della vita umana. Scorrendo le pagine del libro si ha la sensazione di divenire consapevoli di ciò che può essere importante o irrilevante nel vivere. Tutto dipende da noi stessi e da quanto ci soffermiamo a considerare “l’altro”. Soprattutto le persone fragili che a causa di una condizione di precarietà sono particolarmente vulnerabili”.

 

‘Non smettere mai di pensarmi’

di Elena Ana Boata
Casa editrice: Kimerik
Collana: Kimera
Genere: Narrativa
Anno: 2020
Pagine: 204
Prezzo: 14,00 euro
ISBN: 978-88-5516-626-3

Disponibile anche in formato eBook

 

Elena Ana Boata, autrice vivace e sensibile, è attiva da oltre quindici anni. Ha già pubblicato Il viaggio di Anna (Phasar Edizioni, 2007), Lei e Irene (Edizione Croce, 2009; Casa Editrice Kimerik, 2018), Due passi tra le nuvole (Edizioni Croce, 2009). Nel 2019 esce il libro per bambini ll Tempo delle Favole, edito da Kimerik. Ama inoltre la poesia. Le sue opere sono state pubblicate in diverse antologie e sono risultate finaliste e vincitrici di innumerevoli premi letterali.

Leave a Comment