fbpx
  • SEZIONI
banner pink2_bis

banner pink2_bisMercoledì 10 giugno 2015 PINKMARTINI design for life lovers, riapre il suo store di C.so De Gasperi 21c a Torino nel segno della passione per il design e della gioia di vivere.

Il progetto di rinnovo dello spazio coincide con una nuova piattaforma di potenzialità, portando l’intimità di un piccolo negozio di successo a una dimensione di presenza nazionale. Pinkmartini lancia infatti, con l’occasione del restyling del suo negozio storico, un’identità forte e rinnovata e un progetto strategico di franchising.

Il negozio, situato nel cuore del quartiere Crocetta, è stato completamente rinnovato su progetto di Civico 13, studio di architettura fondato a Torino nel 2002 da Alberto Daviso e Christian Villa. Il concept del progetto si incentra su un’estetica dalla geometria pulita, con un pattern grafico liberamente ispirato ai colori dell’architetto Arne Jacobsen. Un piccolo contenitore, semplice, perfetto per accogliere i mondi di Pinkmartini che possono entrare in una valigia, spalancarsi da dentro una cassettiera, scendere da un cielo dorato, smontarsi e sistemarsi nei loro scomparti come un gioco da tavolo. L’atmosfera è rilassata e appagante: le parti che s’incastrano, il senso della freschezza e della convivialità.

L’orto in cortile, è il tema dell’inaugurazione dove protagonisti saranno anche gli spazi esterni del negozio dove sarà allestito un orto in città che durante la serata i partecipanti potranno “smontare” portandosi a casa aromi e verdure nei bellissimi Bacsac contenitori geotessili distribuiti da Pinkmartini. Queste borse ecologiche, appositamente ideate per contenere le piante sono realizzate in tela 100% riciclabile. Disponibili in una moltitudine di dimensioni, in versioni da appoggiare a terra o da sospendere, e anche in versioni che permettono di creare un vero orto sul proprio balcone. L’allestimento dell’orto è curato da Ca’ Mariuccia, innovativa azienda agricola fondata da Andrea Maria Pirollo con l’obiettivo di approfondire e diffondere i principi dell’agricoltura naturale, della permacultura e delle pratiche legate all’autoproduzione e all’autodeterminazione delle comunità rurali.

Ca’ Mariuccia ha sede nel comune di Albugnano, il balcone del Monferrato, e durante l’inaugurazione sarà presente nello spazio Pink Martin per fornire la sua consulenza sulla realizzazione degli orti di autoproduzione.

Una cascina con 7 ettari di noccioleti, 5 ettari di vigneti e 8 ettari ripartiti tra terreno boschivo e seminativo e la serra per l’orto invernale. Oltre a diverse varietà orticole, Ca’ Mariuccia produce nocciole, uva per la vinificazione (barbera, freisa, malvasia, nebbiolo), zafferano, frutta e propone deliziosi trasformati di nocciole (torte, biscotti, olio), conserve e confetture preparate con i prodotti del proprio orto.

CHI è PINKMARTINI

Manuela Merlo ha dato vita ad uno spazio caratterizzato da una combinazione di stili dall’identità forte, precisa e sempre equilibrata: un luogo aperto alla ricerca, attento a ciò che accade in giro per il mondo, ma anche sensibile ai designer che lavorano in città che spesso trovano visibilità insieme ai grandi marchi.

Pinkmartini vuole essere oggi un modo di vedere, un modo di vivere, non solo un scelta di prodotti. L’idea alla base del brand è la freschezza delle scelte e la libertà dai canoni di mercato. Da settembre 2009 le prime esperienze pilota di franchising a Rivoli, Genova, Torino (zona Gran Madre), Ivrea e ultimo Moncalieri.

I DESIGNER E I BRAND che trovate da Pinkmartini

Manuela Merlo ha selezionato per i nuovi Pinkmartini, designer e aziende da tutta Europa: gli italiani Essent-ial, che realizza oggetti e complementi d’arredo in carta e cellulosa in materiale resistentissimo, lavabile ed elegante; Miho unexpected things, vivaci e colorati trofei, le casette per gli uccelli in forme e composizioni ricche di dettagli, oltre agli sgabelli pratici e versatili; Neò by Rosanna Contadini designer di gioielli borse e oggetti d’arredamento, interamente realizzati con fili di neoprene lavorati a maglia, ai ferri, all’uncinetto, a telaio, o semplicemente intrecciati e annodati secondo tecniche antiche, tutte scrupolosamente manuali; la collezione Fish Design by Gaetano Pesce e Corsi Design Factory, una realtà aperta ai progettisti che cercano un ambiente di lavoro dove la cultura artigianale si misura con materiali contemporanei di ultima generazione. Seletti, azienda che vanta collaborazioni con artisti come Maurizio Cattelan guidata da Stefano Seletti, giovane imprenditore che ha trasformato l’azienda di famiglia in un punto di riferimento nel campo del design, premiata anche all’ultimo Salone del mobile con il Design Award 2015; e ancora Covo, brand che si ispira al rigore di forme e segni esportati dall’Oriente, attento alle continue sollecitazioni provenienti dal mondo del design.

I francesi: Jieldè, lampade icona in stile vintage prodotte a Lione; Presse Citron, brand che produce una gamma di oggetti dallo spirito ludico, in una dimensione modulare e accessibile; Atomic Soda, una collezione di oggetti di cancelleria e accessori ispirati al mondo dell’infanzia; Sentou e 100drine mobili e oggetti in puro stile parigino della Rive Gauche e del Marais, il design morbido delle borse, di Caroline Lisfranc; in esclusiva per l’inaugurazione del nuovo negozio di corso De Gasperi: tutta la nuova coloratissima collezione di BacSac, le divertentissime affiche di Image Republic dedicate alle serie tv più amate come Sex and the city, Breaking bad e Game of Thrones, i bijoux di Clemence Cabanes e alcuni pezzi di Mark’s Japan; e quando si parla di design, impossibile non rivolgere lo sguardo a nord con i danesi Muuto fucina dei migliori designer scandinavi di nova generazione, Nud Collection, azienda svedese che produce lampade portalampade, cavi liberamente assemblabili con i materiali più svariati, cemento, ram; e ancora Stockholm house, le comodissime sedute Fatboy, poltrone sacco, pouf, borse e perfino cuscini per il cane, la sterminata collezione di mugs McLaggan, e ancora gli arredi House Doctor e Ferm Living.

Leave a Comment