fbpx
  • SEZIONI
serramenti-7

La scelta delle porte per una casa è un’operazione non semplice, perché è necessario abbinarle allo stile che abbiamo scelto per tutto il resto dell’appartamento.

serramenti-7

 

Ormai sempre più famiglie scelgono, per la propria casa, di affidarsi alla sicurezza delle porte blindate, uno dei sistemi più efficaci contro spiacevoli infrazioni. Tuttavia scegliere una porta equivale a considerarne non soltanto gli standard tecnici e la resistenza, ma anche lo stile e l’aspetto esteriore in modo da poterla integrare perfettamente con tutto il resto dell’ambiente.

In questo caso dovranno intervenire due aspetti: anzitutto il gusto personale e poi la scelta dello stile. Vediamo quali criteri è giusto applicare per non sbagliare.

  1. La varietà

Non è obbligatorio scegliere la stessa porta per tutti gli ambienti.
Per la zona notte infatti si opta spesso per modelli più tradizionali, in essenza o laccati, mentre per la zona giorno, in particolare per separare soggiorno e cucina, è frequente la scelta di scorrevoli, soprattutto in vetro. Per non parlare delle porte di ripostigli o bagni, che hanno spesso aperture salvaspazio.

  1. Scegliete un filo conduttore comune.
    Una buona regola è quella di abbinare
    le porte alle finiture dei mobili e dell’eventuale battiscopa, che dovrà essere uguale al coprifilo della porta, se presente.

A seconda dello stile della casa, è consigliabile una soluzione piuttosto che un’altra. Ecco qualche indicazione utile

  • Casa in stile moderno: porta in vetro

Può avere telaio in alluminio oppure no, ed è comunque adatto ad ambienti contemporanei. Per quanto riguarda la sicurezza, il vetro di tipo temperato (o stratificato se le porte sono anche molto grandi) assicura grande resistenza e in caso di rottura il pannello si divide in piccoli pezzi non taglienti.

  • Casa in stile classico o tradizionale: porta in legno

Nelle sue versioni più attuali in rovere grigio, rovere moka, oppure frassino sbiancato la porta resta una soluzione intramontabile e si adatta a case moderne o anche più tradizionali.

  • In altre occasioni poi le porte possono essere utilizzate per stemperare un ambiente oppure al contrario, se troppo uniforme, per creare dei punti di colore. In un’abitazione arredata con mobili antichi e pavimenti in parquet, la scelta del bianco per le porte interne alleggerisce l’impatto visivodi elementi già di per sé importanti e introduce una nota soft ed equilibrata. All’opposto, se la casa (pareti, arredi, tessili) è prevalentemente giocata su toni neutri, il serramento interno laccato colorato può diventare l’elemento su cui creare un forte stacco, anche con tinte vivaci.

Leave a Comment