fbpx
  • SEZIONI
omaggio al cinema di G. Fata al premio moda 2012

E’ il diamante a splendere, nella quarta edizione del Premio Moda Città dei Sassi, la kermesse d’alta moda targata 2012 ideata dall’agenzia Publimusic di Sabrina Gallitto in collaborazione con il direttore artistico Enzo Centonze.

Il giovane Erasmo Fiorentino, lombardo di Crema, si aggiudica la competizione che ha visto sfidarsi, nella suggestiva cornice di Piazza S. Francesco d’Assisi di Matera, gli otto stilisti emergenti finalisti selezionati da una giuria tecnica di Alta Moda Donna.

Fiorentino si è assicurato il primo premio con una splendida collezione interamente ispirata alla pietra più preziosa al mondo, simbolo incontrastato di perfezione e raffinatezza, desiderato da tutte le donne del mondo. Abiti di una sfarzosa eleganza hanno sfilato in passerella, conquistando letteralmente la giuria tecnica e giornalistica.

La serata/evento all’insegna dell’alta moda comincia nel migliore dei modi, con una raggiante Barbara Chiappini a presentare la sfilata degli abiti della maison Renato Balestra, con figlia Federica in rappresentanza della dalla casa di moda. Per Balestra in passerella abiti dedicati ad una donna sensuale, romantica e glamour.

Vasto è il parterre composto dalla giuria tecnica, con a capo il presidente Franco Ciambella che ha omaggiato il Premio Moda Città dei Sassi con una collezione dedicata alla femminilità con la sua eleganza e il suo romanticismo.

Con lui Michele Miglionico, stilista che per il terzo anno consecutivo ha riconfermato la sua partecipazione e il suo appoggio all’evento, Valeria Mangani vice presidente dell’AltaRomAltaModa, la stilista Federica Balestra, Roberto Guarducci, stilista e docente alla facoltà di Scienze e Tecnologia dell’Università di Bari, lo stilista Paolo Fumarulo, Giuseppe Fata presidente della Camera Regionale della Moda Calabria, in rappresentanza del presidente Santo Versace, presidente della “Gianni Versace Spa”, Andrea Di Dio Cafiso stilista, Gerardo Sacco maestro orafo, Giuseppe Trionfo Fineo della Boutique Elite, Giuseppe Emilio Bruzzese vice presidente della Camera Regionale della Moda Calabria e Claudia Ferrise stilista, Armando Terribili fashion blogger, Erika Gottardi di Woman & Bride.

Per la giuria giornalistica erano presenti Franco Martina giornalista ANSA, Luigi Di Lauro giornalista della TGR Basilicata, Nicola Timpone presidente GAL, Carmela Cosentino della Gazzetta del Mezzogiorno, Debora Desio per Blu TV satellite, Mariangela Lisanti de Il Quotidiano della Basilicata, Michele Capolupo direttore di www.SassiLive.it, Valeriana Mariani per Donna Impresa, Umberto Masci organizzatore di eventi, Cinzia Scarciolla per Matera web tv, Angela Loperfido responsabile SIAE e Patrizia Minardi, funzionario regionale.

Arriva poi il momento clou della serata: la gara degli otto finalisti. A contendersi il prestigioso premio sono, insieme a Erasmo Fiorentino, Fabrizia Aloisio di Castellaneta, Anna Calviello di Pomarico, Ileana Colavitto di Bari, il genovese Giuseppe D’urso, Michela Tiberia De Giorgi, salentina di Copertino, Cristina Marrone di Cagliari e Luca Tomassoli di Gubbio.

I giovani talenti hanno dato vita a momenti d’arte e moda speciali e diversificati tra loro, con un unico fil rouge: la classe e l’estro. Nel dettaglio, l’Aloisio ha immaginato la metamorfosi della donna in sei specie diverse di uccelli, utilizzando tessuti soffici e rigidi per rappresentare il corpo sinuoso della donna uniti a tessuti ricamati; Anna Calviello ha presentato una donna ricercata dalla linea morbida e sensuale, un connubio perfetto tra filati e seta con un elegante gioco di trasparenze; la barese Colavitto si è ispirata alla Primavera del Botticelli: castità, bellezza e amore; una collezionate dedicata a una donna emergente che ha preferito il tulle nei colori bianco, rosa e lilla, Giuseppe D’Urso si è ispirato all’alta moda degli anni ’50 e alla figura di Audrey Hepburn utilizzando la seta, il taftà e lo chiffon, la De Giorgi ha proposto invece una collezione ricca di capi eco-sostenibili uniti ai tessuti pregiati quali il georgette, la pelle, il sughero e il tulle, la sarda marrone ha disegnato abiti per una donna sofisticata, elegante, sicura di sé, amante dei dettagli con un pizzico di vintage anni ’50 e infine Luca Tomassoli si è ispirato alla magia del cinema in bianco e nero presentando una donna femminile, sexy e mai volgare.

Ma è la donna-diamante del trentenne Erasmo Fiorentino a stregare la doppia giuria. Oltre al premio maggiore, lo stilista e sarto lombardo  si è aggiudicato anche altri due premi speciali: il Premio Moda al Cinema rivolto agli Oscar italiani del cinema in occasione del 50° anniversario del premio al miglior film “ La Ciociara” di Vittoria De Sica per la realizzazione del miglior abito immaginato per il Premio Oscar Sophia Loren e il Premio CRMC, assegnato al miglior giovane designer. A Giuseppe D’Urso, invece, che ha proposto una collezione ispirata a Audrey Hepburn è stato assegnato il Premio della Critica.

All’evento, patrocinato dal Comune di Matera, dall’APT di Basilicata, dalla Camera di Commercio di Matera, dal CNA – Federmoda, dalla Camera Regionale della Moda Calabria e dal Comitato Matera 2019 Capitale Europea della Cultura – Città Candidata, con la partnership di Banca Mediolanum, Palazzo Vice Conte, Palazzo Gattini, SeP e Hilton Garden Inn – Matera e con la gentile collaborazione della Coreografa Lucia Granatello, hanno reso gentile omaggio con la propria presenza, tra gli altri, il ballerino Eugenio Di Giovanni, che ha regalato al numeroso pubblico la sua performance per la presentazione del film “Niccolò Macchiavelli il Principe della Politica”, che uscirà nelle sale cinematografiche nel 2013 in occasione del 500° anniversario della stesura dell’opera del Macchiavelli e la vincitrice della terza edizione del Premio Moda Città dei Sassi Anna Mattarocci, che ha presentato una collezione dark ispirata alla saga di Star Wars.

Straordinaria la collezione di Claudia Ferrise con le teste-scultura di Giuseppe Fata. Gran finale con l’abito bianco disegnato da Roberto Guarducci, un omaggio a tutte le donne che hanno partecipato all’evento.

Leave a Comment