• SEZIONI
antipasti-giapponesi_sushimi

Gli esperti di Sushimi ci svelano quali sono i principali piatti e antipasti della cucina giapponese che esulano dai più conosciuti sushi e sashimi.

Quando si pensa alla cucina giapponese automaticamente vengono alla mente gli ormai classici onigiri, hosomaki, uramaki, futomaki e alla tempura.

In realtà la tradizione culinaria nipponica è ricca di svariati piatti originali.

Gli antipasti giapponesi ed i piatti comunemente consumati nel Sol Levante sono ricchi di proteine vegetali, pesce e carni cotte, ma anche carboidrati inaspettati e dolcini sorprendenti.

Abbiamo chiesto agli chef exspress del nuovissimo Sushimi di Milano, il ristorante giapponese con servizio di delivery home, quali sono gli antipasti giapponese ed i piatti più tradizionali da provare assolutamente per stuzzicare i nostri palati

  • Tsukemono: sono verdurine sottaceto che fanno da stuzzichini e guarnizione dei piatti, ma servono anche a pulire il palato. Si mettono perfino nelle zuppe di miso.
  • Yakisoba: sono spaghetti fatti con il grano saraceno, che vengono saltati in padella insieme a carote, cipolle, foglie di cavolo. Si condiscono con alghe secche, zenzero, scagliette di tonnetto o carne di maiale e maionese.
  • Furikake: ha l’aspetto di una polverina e si tratta di un condimento solitamente utilizzato per il riso fatto con semi di sesamo, pesci essiccati e alghe tutto tritato finemente come un insaporitore.
  • Korroke: può essere considerato come una sorta di pane giapponese che ricorda molto le nostre crocchette di patate. Un piatto molto familiare, variante della ricetta francese che gli amici nipponici hanno saputo reinterpretare in modo unico.
  • Sukiyaki si tratta di un piatto che viene solitamente consumato per Capodanno. E’ un piatto molto ricco: con fettine di manzo, l’immancabile tofu, spaghetti, cipolle, cavolo e funghi. Il tutto viene messo a cuocere in una zuppa di salsa di soia e si mangia con l’aggiunta di uova sbattute.
  • Karasumi-Daikon: questo piatto può essere servito come antipasto giapponese oppure può fungere da condimento per i tipici spaghetti giapponesi. Si tratta semplicemente di bottarga tostata alternata a fettine di rapa.
  • Okonomiyaki: altro non è se non la versione giapponese del pancake americano – anche se spesso in Italia alcuni lo considerano “la pizza giapponese”. L’impasto è a base di uova, cavolo, farina e acqua e viene condito in vari modi, con la carne o i gamberetti o le seppie. La sua particolarità è che viene cucinato su una piastra calda proprio al tavolo dei clienti.
  • Unagi: è un vero e proprio classico della gastronomia giapponese. Si ottiene dall’ anguilla di acqua salata che viene cucinata alla griglia e si serve poggiata su un bel piatto di riso bianco (a quel punto il piatto si chiama Unadon).
  • Menru: appartengono a questa categoria di pietanze giapponesi sostanziose e saporite tutte le zuppe con la pasta, quindi ramen e simili. La pasta viene messa a cuocere nel brodo e arricchita con praticamente qualunque cosa, carne, pesce, verdure, uova, soia, tofu.
  • Omurice: è una grossa frittata che avvolge riso fritto e condito con del pollo. Il tutto coperto dalla salsa ketchup.

Leave a Comment

Iscriviti alla newsletter