• SEZIONI
cioccolato-tiendeo

Cosa regaliamo a San Valentino? Il vincitore è uno solo, il cioccolato. Da solo o come accompagnamento a lingerie e omaggi floreali, è un classico che non può mancare.
Sarà per rispetto alla tradizione o per il suo potere afrodisiaco, fatto sta che durante la settimana di San Valentino su Tiendeo.it le ricerche di cioccolato triplicano rispetto al periodo precedente.

Le varianti del cioccolato sono moltissime e sono tutte amatissime: cioccolato al latte, bianco o fondente, cioccolatini o tartufi, l’importante è che non manchi l’ingrediente principale.

Sempre dallo stesso studio, emerge che la categoria merceologica con il boom di ricerche maggiori è la moda, che vede un aumento del 213% rispetto al periodo anteriore. Di queste, il 30% è costituito da ricerche di offerte di biancheria intima.

Seguono i profumi, anch’essi un grande classico e un regalo di successo sicuro (sempre se si indovinano i gusti del proprio partner), che salgono sul podio dei regali più ricercati di San Valentino con un aumento del 37% rispetto alle settimane precedenti.

La festa degli innamorati si contraddistingue anche per il successo altro grande classico: i fiori. “Ditelo con un fiore”, sembra che però non valga solo in amore. Infatti questo evergreen mantiene un alto volume di ricerche durante l’intero anno, e l’aumento nel periodo di San Valentino è meno evidente rispetto a quello delle altre categorie.

Sicuramente si conferma una tendenza al risparmio per questa festa, che arriva puntualmente a poche settimane di distanza dalle grandi spese di Natale e Capodanno, tra regali, viaggi e cenoni. Un conferma arriva dal settore gioielli, che dopo il periodo natalizio denota un recesso che rimane invariato malgrado la romantica ricorrenza.
San Valentino si contraddistingue così come festa dedicata all’amore e a passare tempo con i rispettivi partner, piuttosto che a spendere grandi somme per regali importanti. E poi, cosa c’è di più dolce di una scatola di cioccolatini?

*Analisi dei dati interni a Tiendeo.it comparando le ricerche di gennaio e febbraio 2018.

Leave a Comment