fbpx
  • SEZIONI
AntiDesign Poster A1 Horizontal 2

Il sedici Settembre 2015, sei tra i più influenti architetti italiani, terranno  per il Florence Institute of Design International (FIDI), un seminario sul Movimento Radicale del design nato in Italia negli anni ‘60.

Tale movimento, meglio conosciuto anche come movimento “Anti-design”, ebbe una notevole influenza sull’architettura italiana e sull’interior design dell’epoca ma ancora oggi continua a svolgere un ruolo rivoluzionario in concetti di design attuali.

Il movimento “Anti-Design”, fu originariamente ispirato da un’ insoddisfazione del design moderno in voga in Italia tra il 1950 e il 1960, decennio che vide dare maggior importanza alla produzione di massa, alla funzionalità e alla vendita dei prodotti togliendo spazio e rilevanza a creatività, design, e unicità.

La funzione dell’oggetto, second I radicalisti, era quella di sovvertire il modo in cui si era da sempre visto l’oggetto stesso. Tale movimento fu una vera e propria reazione dunque, all’estetica perfezionista del Modernismo.

Il movimento incoraggiò infatti gli architetti a lavorare non più come architetti, bensì come artisti.

Il Movimento Radicale ispirò i progettisti a pensare al di fuori dagli schemi e a creare spazi che incoraggiavano l’uso di colori vivaci, varietà di materiali e arredamenti d’interno distintivi.

Cosi’ come nella moda, anche nell’architettura e nel design gli stili e le tendenze tornano spesso in voga nelle scene piu’ attuali. L’Anti-Design infatti ancora oggi esercita una rilevante influenza sull’architettura italiana e sull’interior design.

L’obiettivo di questo seminario sarà quello di creare un ambiente che darà modo agli studenti della classe di Interior Design di analizzare questo importante periodo ed imparare direttamente da alcuni dei più influenti designer radicalisti italiani.

Il seminario è rivolto agli studenti FIDI e alle figure professionali inerenti anche esterne e si terrà unicamente in lingua inglese.

L’evento avrà luogo il sedici Settembre 2015, alle ore 12:00 presso la Palazzina Reale di Firenze ed è organizzato da:

Florence Institute of Design: FIDI è una scuola internazionale di design situata nel pieno centro di Firenze. Specializzata in corsi di Graphic Design , Interior Design ed arredamento d’interni, offre corsi di alta formazione professionale rivolti a studenti provenienti da tutta Europa e da tutto il mondo.

http://www.florence-institute.com

 

Source: “Source self-made design” è una mostra internazionale di design autoprodotto. Nasce nel 2013 da un’iniziativa dell’associazione culturale ALTROVE, all’interno dello spazio comunale della Limonaia di Villa Strozzi di Firenze, con il supporto di Officine Creative.

Source ha come obiettivo principale quello di alimentare il dibattito sulla contemporaneità nel campo del design e creare un nuovo contenitore per la creatività.

http://www.sourcefirenze.it

AntiDesign Poster A1 Horizontal 2

Gli architetti influenti dell’Anti-Design:

Paolo Deganello: Laureato in Architettura a Firenze nel ’66, fonda a Firenze con A.Branzi, G.Corretti e M.Morozzi, lo studio di Architettura Radicale “Archizoom Associati”. Tutta l’opera di questo studio è stata pubblicata nel libro Electa: Roberto Gargiani“Archzoom Associati 1966-74”.

Toraldo Di Francia nasce a Firenze nel 1941. Conosciuto per la fondazione di Superstudio con Adolfo Natalini nel 1966, esegue un lavoro di ricerca e di ri-creazione del linguaggio dell’architettura documentato in numerose pubblicazioni internazionali ed esposte in importanti musei e mostre d’arte in tutto il mondo. Superstudio inoltre, ha avuto un ruolo significativo nel Movimento Anti-Design della fine del 1960.

Gian Piero Frassinelli: laureato in architettura a Firenze nel ’66 partecipa attivamente alla fondazione di Superstudio con Natalini e Toraldo di Francia. Il massimo successo dei Superstudio avvenne nel 1972 quando parteciparono alla mostra al MOMA Italy New Domestic Landscape.

Carlo Caldini è un architetto di Firenze, che ha coniugato la pratica professionale, l’insegnamento e la ricerca accademica. Nel 1967, insieme a Giorgio Birelli, Fabrizio Fiumi e Paulo Galli, fonda il gruppo di ricerca “9999” incentrato sulla sperimentazione architettonica all’interno della scena radicale italiana. Il lavoro del gruppo comprende fotomontaggi, grafica, dimostrazioni e produzione di film. Nel 1972, “9999” vince il MoMA (Italia: The New Domestic Landscape), concorso per giovani designer con il progetto “Vegetable Garden House”. Questo progetto nasce come risultato di una serie di esperimenti eseguiti all’interno della discoteca progressiva del gruppo, fondata e progettata nel 1969, lo “Space Electronic”.

Gianni Pettena nasce nel 1940 e studia architettura presso l’Università di Firenze nel 1960; contribuisce attivamente al movimento “radicale” italiano e fonda “Global Tools” un sistema scolastico e di laboratorio che rappresenta il momento di massima intensità per il movimento dell ‘Architettura Radicale.

Lapo Binazzi nasce a Firenze nel 1943 e completa la sua laurea in architettura nel 1971. Nel 1967, con Foresi, Maschietto, Bachi e Cammeo, fonda UFO, un gruppo che trova il suo posto nel clima sperimentale dell’architettura radicale. Nel 1973, insieme con UFO, Binazzi è uno dei fondatori della “Global Tools”, laboratorio per l’architettura sperimentale. Binazzi continua la sua attività di architetto-artista-designer.

Contatto stampa: arch. Marc DiDomenico

Florence Institute of Design Intl

50123 Firenze, Italia

Telefono +39 0552302481

registrar@institute-institute.com

www.florence-institute.com

Leave a Comment