fbpx
  • SEZIONI
George Siouty

Evason Ma’in Hot Springs, un resort Evason appartenente al portfolio di Six Senses Hotels Resorts Spas, è lieto di dare il benvenuto al nuovo General Manager George Siouty.

George Siouty porterà un ricco bagaglio di conoscenze e di esperienza al pluripremiato resort, che si staglia come un’oasi fra le asperità del deserto. Si tratta di una destinazione ideale per chi cerca un rifugio perfetto per rilassarsi e farsi coccolare godendo dei benefici terapeutici delle cascate termali di Ma’In.

George Siouty è stato per cinque anni direttore generale del Tadamora Palace di Palmyra, una struttura che ha aperto nel 2008. I tre anni precedenti lo avevano visto a Damasco come direttore generale di altre tre strutture a 5 stelle.

George ha iniziato la sua carriera di dirigente di hotel come Food and Beverage manager per Le Meridien Hotels in Siria e Uzbekistan, prima di diventare direttore generale per  Safir International Company in Siria. Durante l’incarico ha anche ricevuto due premi del Ministero del Turismo per il Miglior Hotel a 5 stelle.

Successivamente ha diretto l’Alfahed Crown Hotel a Riyadh, il Bloudan Grand Hotel a Damasco e il Paradise Inn Group ad Alessandria, prima di tornare a Damasco per aprire il Tadamora Palace nel 2008.

All’Evason Ma’In Hot Springs George supervisionerà la gestione  di una  splendida struttura con 97 camere, che unisce elevati livelli di ospitalità e un ambiente tranquillo per garantire un’esperienza indimenticabile. Il resort offre una vasta gamma di servizi e strutture per famiglie con un’impareggiabile attenzione alla persona in un’atmosfera accogliente.

John H. Philipson VP Operations per Six Senses Hotels Resorts Spas ha dichiarato: “Siamo lieti che George Siouty si sia  unito a noi come direttore generale di Evason Ma’In Hot Springs. Con la sua significativa esperienza di lavoro nella regione, aggiungerà un’ulteriore contributo agli standard di servizio attraverso la formazione e valorizzare della filosofia Six Senses all’interno del resort e della comunità locale”.

Leave a Comment