fbpx
  • SEZIONI
DarioCattadori sn_Massimo Zambiasi ds

DarioCattadori sn_Massimo Zambiasi dsIn dieci anni di attività (la ricorrenza è stata celebrata nel mese di maggio di quest’anno), con un back-ground di oltre 300 commercials dedicati al table top ed agli effetti speciali e la capacità di soddisfare le non semplici esigenze delle maggiori case di produzione ed agenzie pubblicitarie italiane, Table Spot – service fondato a Milano nel 2005 da Dario Cattadori – si è già tolta diverse soddisfazioni.

Ma, per certi versi, il riconoscimento ottenuto a New York alla fine di ottobre può essere inserito fra le maggiori gratificazioni di questo primo decennio vissuto sul campo: alla nona edizione del Food Film Festival di New York, prestigiosa rassegna internazionale dedicata ai migliori cortometraggi realizzati in tutto il mondo e relativi all’ambito food, Table Spot ha ‘firmato’ – insieme al regista Massimo Zambiasi – il film Nidi di Pasta con Ratatouille’, vincitore nella categoria ‘Best Food Porn Film’.

Da Cristoforo Colombo alla tennista Flavia Pennetta, recente vincitrice degli U.S. Open di tennis, passando attraverso l’indimenticabile Alberto Sordi di ‘Un italiano in America’, per un rappresentante del Bel Paese andare alla conquista del Vecchio Continente ha sempre avuto un fascino particolare: Table Spot e Massimo Zambiasi ci sono riusciti realizzando una sorta di originalissima ‘video-ricetta’, caratterizzata da un approccio sensoriale coinvolgente e finalizzata a stimolare il gusto, il palato, l’appetito.

Oltre che visivamente lo ha fatto anche ‘fisicamente’, perché il regolamento del Festival – svoltosi all’Empire Theatre, ovvero nella zona di Times Square, uno dei simboli della Big Apple –   prevedeva che la giuria avesse a disposizione in sala, durante la proiezione di ogni cortometraggio, il cibo oggetto del film. E se un piatto italiano, in ogni parte del mondo, parte già in pole position, il valore aggiunto decisivo lo ha sicuramente dato il lavoro del team di Table Spot. Quest’ultima ha realizzato le riprese nei suoi attrezzatissimi studi milanesi, con il contributo di uno staff di professionisti che – come sottolinea il founder Dario Cattadori – “sono esperti di comunicazione… ma sanno anche con quale rispetto va trattato il cibo: il dop Cristiano Casone, il food designer Elisa Lanci, il set designer Daniela Bennati e il ‘mago degli effetti speciali’ Patrizio Todisco hanno ‘cucinato’ un film che ha avuto, come ciliegina sulla torta, anche le musiche originali, composte per l’occasione, da Federico Zambiasi e da Yussef Kafel, e le grafiche animate da Gianluca Recalcati”.

In sostanza, Table Spot – anche se nella sua attività quotidiana non si occupa solo di Food – continua a dimostrare di sapere come si cucina un prodotto di qualità per soddisfare i palati più esigenti senza dimenticare che anche l’occhio, giustamente e necessariamente nel nostro caso, vuole la sua parte.

Un ‘servizio’ ineccepibile, grazie anche a ingredienti come la capacità di lavoro d’équipe, l’attenzione a ogni dettaglio e il fondamentale supporto delle tecnologie più avanzate.

www.tablespot.com

Leave a Comment