• SEZIONI
c77c2a70376225343b14aad0ba93d14ece37221e-1-t710

Se sei un creativo, un’azienda o un professionista del design ed hai un progetto pronto, cui vuoi dare un’opportunità concreta di successo, questo è il momento buono per registrarsi al concorso A’ Design Award & Competition.

Tramite l’apposita pagina potrai caricare direttamente il tuo design e, seguendo passo passo una semplice procedura, potrai concorrere per l’assegnazione dei premi che avverrà il prossimo 15 Aprile.

Partecipare a questo concorso si rivela in ogni caso un’esperienza vincente dal momento che ci si confronta con uno staff di esperti, di fama mondiale, capace di dare suggerimenti mirati per far crescere il tuo prodotto e presentarlo al meglio ad un pubblico internazionale: stiamo parlando dei membri della giuria, ovvero giornalisti, imprenditori, accademici e creativi affermati, gli stessi che, seguendo i criteri di massima imparzialità e rigore, decreteranno i vincitori.

Aggiudicarsi un premio, poi, vuol dire pubblicità garantita sui media di tutto il mondo e aumento del prestigio sia per il brand, sia per il designer, grazie al conferimento di certificati e attestazioni d’eccellenza che si potranno sempre allegare ai propri prodotti.

I vantaggi, inoltre, si moltiplicano perché, nel caso in cui si fosse rappresentanti di Università o altro tipo di istituzioni, ogni tipo di riconoscimento si estenderebbe a tutta l’organizzazione di cui si fa parte, accrescendone visibilità e reputazione.

Infine, i benefici si ripercuotono, a cascata, sul lavoro di ONG, o addirittura su interi paesi, quando supportano progetti o designer: si intravede infatti, in questo modo, la possibilità concreta di sostenere circoli virtuosi e micro-economie legate al settore del design.

Ricapitoliamo brevemente in cosa consiste l’A’ Design Prize, che equivale non ad un semplice premio ma ad un kit: un trofeo in metallo stampato in 3D consegnato in una Luxury Box; l’annuario dei vincitori sia in versione digitale, che cartacea; il certificato di eccellenza in telaio metallico; l’invito per due persone alla serata di gala in cui si svolge la cerimonia di premiazione; la partecipazione gratuita e l’esposizione nella galleria on line e al MOOD, Museum of Design sito in Italia; inoltre, inserzioni gratuite su SaloneDelDesigner, utilizzo gratuito dei servizi DesignMediator, inserimento in BuySellDesign Network, inserimento gratuito su DesignMegaStore ed altri ancora; menzioni speciali e interviste su importanti testate internazionali di design; la traduzione del proprio progetto in ben 20 lingue diverse; la licenza permanente per l’utilizzo del logo dei vincitori e l’inclusione nelle World Design Rankings.

Sono davvero tante le categorie per le quali si può candidare un progetto, per questo ci limiteremo a ricordarvi, tra le più importanti, il Design d’interni e degli spazi espositivi, Design Moda, Design del gioiello, Packaging Design, Design degli arredi e delle decorazioni, Architettura e Urban Design.

Per chi volesse scoprire le altre, tra più di 100, è possibile consultare la pagina dedicata.

Anche oggi vi presenteremo alcuni dei progetti che più ci hanno colpito della scorsa edizione, in attesa di scoprire i nuovi design vincenti.

Una sola avvertenza, il termine ultimo per partecipare è fissato per il 28 Febbraio, quindi registrate i vostri lavori al seguente link, e che vinca il Design!

Le Pont Multifunctional Cafe by Takuji Kamio

Si sviluppa tra una caffetteria e una sala ristorante questo spazio multifunzionale. Nasce con l’idea di voler creare “ponti” e condivisione tra i clienti e si rifà nello stile ai caffè parigini, di cui riesce ad evocare l’eleganza, seppure a partire da materiali grezzi.

 

 

 

 

 

Visa TLV Office Space Interior Design by Studio Shirli Zamir

Si ispira al panorama urbano in cui è immerso, ed in particolare all’articolazione del paesaggio in vari edifici. L’ufficio di dimensioni ridotte riesce, nel suo piccolo, a contenere spazi diversi, destinati a specifiche attività, grazie alle partizioni trasparenti di cui si serve. L’ambiente è moderno ma il vasto uso del legno lo rende comunque caldo e rilassante.

 

 

 

 

Ozguven Office by Seda Dundar

L’ufficio diviene un luogo caratteristico: realizzato traendo molto dallo stile industriale, lascia volutamente a vista i materiali grezzi, come calcestruzzo, legno, mattone e metallo nero. Gli ambienti risultano in ogni caso accoglienti e familiari e il colore del marchio aziendale, il rosso, è usato come un trait d’union tra le varie aree.

 

 

 

 

Images of The LOFT Style Sweet Home by Chih-Chieh Tien

Il valore aggiunto di questo loft sta nella capacità di dare un senso di spaziosità, senza rinunciare alla possibilità di separare gli ambienti grazie una grande porta scorrevole. Lo stile retrò degli arredi, cui si fa un ricorso ben calibrato con l’utilizzo di elementi più pop, contribuisce al risultato piacevole.

 

 

 

 

Best of Both Worlds Residential Interior Design by Andy Wan

Il loft si ispira allo stile cosmopolita e valorizza materiali grezzi come i mattoni, il ferro battuto e il legno che diventano chic perché ben miscelati ad elementi di arredo divertenti e dal sapore familiare. Efficace l’idea di realizzare, sfruttando l’altezza del soffitto, una libreria in muratura, dall’impatto estetico notevole.

 

 

 

 

ErnteZeit Restaurant by Ivana Bukvic

La natura passa dal palato e dagli occhi in questo ristorante che punta sul cibo biologico. E’ arricchito con numerose piante, quasi a simulare l’idea di terrazza, e riutilizza materiali dallo stile industrial per realizzare arredi artigianali e originali che contribuiscono all’atmosfera leggera e conviviale.

 

 

 

 

LaTable Cafe furniture by Jouni Leino and Teppo Vahteristo

Sedie, sgabelli e tavoli in acciaio per ravvivare l’angolo caffè della propria casa, ideali per terrazze e giardini. Sono ultracolorati e leggeri, e riporli in modo da occupare poco spazio sarà un gioco da ragazzi.

 

 

 

 

 


ORIGAMI TABLE Kinetic table by Micaela Pignatelli & Ubaldo Occhinegro

Il tavolo si espande e si rimpicciolisce a secondo delle esigenze, seguendo la dinamica propria degli origami. Questa l’idea dei designer, che è possibile realizzare con materiali diversi oltre al legno, come plastica, vetro, metallo e marmo. L’elemento innovativo è l’automazione del sistema di apertura e chiusura delle ali esterne.

 

 

 

 

Hug Armchair by Vinicius Lopes and Gabriela Kuniyoshi

Avvolgente come un abbraccio, la poltrona con rivestimento in pelle e tessuto: la sua struttura e composizione interna è stata pensata per seguire anatomicamente chi vi si siede. Sarà come avere una coccola in salotto.

 

 

 

 

 

SH House Residential by Paulo Martins

La ristrutturazione della residenza di campagna è consistita in una serie di interventi di ritocco: non si è voluto stravolgere l’identità del luogo, bensì valorizzarla; non si è voluto nemmeno introdurre elementi di grande rottura, piuttosto piccoli accorgimenti che incorniciassero in chiave più moderna l’esistente.

 

 

 

 

Iskilar Artists studio residence by Gaurav Bhangre and Aishwarya Bhangre

La residenza dell’artista di terracotta diventa anche il suo spazio di lavoro ed esposizione: lo ha supportato in questa volontà chi ha ristrutturato la sua casa, aggiungendovi, oltre che un’attenzione per migliorare l’esposizione alla luce e il rapporto con l’esterno, elementi architettonici creativi come l’articolazione degli spazi su piani diversi. Il tutto mantenendo l’armonia con lo stile di vita semplice degli abitanti.

 

 

 

 

Bird of Passage Womenswear Collection by Abhisaar Saxena

La linea di abiti offre soluzioni diverse per le varie occasioni del quotidiano: pensata sicuramente per una donna audace ma che non rinuncia all’eleganza. La studio di come alcuni tessuti, tra i quali crepes e seta, possano valorizzare la sagoma femminile, e l’artigianalità delle applicazioni, fanno la differenza.

 

 

 

 

SYNTHESIS FW 2017 18 Collection by Merve Ucar

La collezione d’abbigliamento autunno-inverno stupisce per la sua preziosità. La ricercatezza dei tessuti e l’originalità dei ricami si unisce alla scelta sapiente dei colori. Nulla è lasciato al caso e l’effetto è quello di una favola contemporanea.

https://competition.adesignaward.com/design.php?ID=67075%20
Wilot Ring by Nima Bavardi, Sareh Heidari

L’anello, pur nella sua essenzialità, colpisce: richiama la forma del fior di loto e, come il fiore simbolo della rigenerazione, promette di portare un’energia positiva. Disponibile sia in oro che in argento.

 

DrumString Instrument by Mohamad Montazeri

Lo strumento che suona una nuova musica: nasce dall’unione di due strumenti diversi, a corda e a percussioni, e promette una grande facilità di utilizzo grazie alla struttura ergonomica e alle cinture con cui si allaccia. Per veri creativi.

 

 

 

 

 

Multibags Rebels Multifunctional baggage by Olina Francova and Jitka Arazimova

La borsa multifunzionale è capace di assumere forme diverse a seconda dei gusti e delle esigenze di chi la indossa: la sua corda removibile e riposizionabile permette infatti di trasformarla da zaino a marsupio, passando per vari tipi di tracolla. In vera pelle, è resistente ed è perfetta per ospitare il mondo degli oggetti femminili.

 

 

 

 

Cool Wool Socks by Julia Chernenko

La linea per il packaging e l’imballaggio da spedizione delle calze è divertente e ironica. Prende come simbolo una simpatica civetta che è diventata, a tutti gli effetti, l’immagine del marchio.

 

 

 

 

 

TAITRA – 2017 Taipei Cycle Show by Uvisual

La comunicazione visuale del festival della bicicletta di Taipei, riassume perfettamente lo spirito dell’iniziativa: raccontare di una paese che cambia sotto l’impulso di un’industria che si consolida e promette ancora nuova espansione in tutto il mondo. Uno sviluppo, siamo sicuri, dai mille risvolti positivi.

 

 

 

 

Meiji the Chocolate Sweets Packaging by Kimiko Ida

Il cioccolato d’alta qualità non rinuncia rendersi anche commerciale e lo fa attraverso un packaging che riprende la carta artigianale della nota azienda giapponese. I cioccolatini si gustano già con gli occhi.

 

 

 

 

 

The Other Me Illustration by Tomo Miura

Le illustrazioni hanno lo scopo di far riflettere sulle parti di noi che non sempre riusciamo a vedere o che noi stessi non conosciamo bene. Stimolano un piccolo viaggio interiore, con ironia.

Leave a Comment