fbpx
  • SEZIONI
Un ascensore per Palazzo Ferro-Fini
ai-progetti ascensore
Un ascensore per Palazzo Ferro-Fini a Venezia

Palazzo Ferro-Fini sul Canal Grande nasce dall’unione di due palazzi contigui, di impronta rinascimentale, che nei secoli hanno subito varie trasformazioni interne, mantenendo per contro immutato il loro aspetto esteriore.

Il Consiglio Regionale del Veneto, con sede nel doppio palazzo, necessitava un nuovo ascensore che avrebbe consentito di raggiungere le parti del palazzo attualmente non accessibili a persone diversamente abili o con limitate capacità motorie o sensoriali. I due impianti elevatori esistenti, infatti, non consentivano di aggiungere tutte le parti dell’edificio se non attraverso rampe di scale e stretti passaggi non a norma.

ai-progetti ascensore
Esterno Palazzo Ferro-Fini sul Canal Grande a Venezia

 

ai-progetti ascensore
Un ascensore per Palazzo Ferro-Fini a Venezia

La problematica dell’accessibilità in una qualsiasi architettura, ma soprattutto in un’architettura storicizzata, e la risoluzione di tale problematica con soluzioni tecniche attuali, ha posto importanti questioni, alle quali lo studio A.I. Progetti ha dovuto far fronte, sul rapporto tra la fabbrica storica e l’intervento contemporaneo.
In questo caso, il progetto si è dovuto confrontare con l’importante architettura cinque-seicentesca di due prestigiosi palazzi contigui, affacciati su uno dei punti più affascinanti del Canal Grande, di fronte alla barocca Chiesa della Madonna della Salute.

ai-progetti ascensore
Un ascensore per Palazzo Ferro-Fini a Venezia

Il nuovo ascensore è stato realizzato in una piccola corte all’interno dell’edificio e prevede 3 sbarchi di piano ed una copertura vetrata.
Questa nuova copertura in acciaio e vetro è colloca al di sopra della linea di gronda esistente e non è assolutamente percepibile dall’esterno, così da non alterare l’aspetto attuale del palazzo dal Canal Grande. La nuova copertura, inoltre, sarà dotata di idonee aperture laterali motorizzate per consentirne la ventilazione.

ai-progetti ascensore
Un ascensore per Palazzo Ferro-Fini a Venezia –  disegni

La scelta di una struttura in acciaio e vetro staticamente indipendente dall’edificio, invece, è dovuta alla precisa volontà di non interferire in alcun modo con le strutture portanti esistenti.
Le problematiche strutturali ed impiantistiche trovano risposta nel disegno architettonico: quattro tubi del diametro di circa 22 cm si sviluppano in altezza con andamento non lineare fino a raggiungere la copertura. Questi elementi rispondono alle esigenze strutturali sia della copertura che dell’ascensore, ma allo stesso tempo inglobano al loro interno un sistema di tubazioni che, attraverso una macchina per lo scambio di calore, garantisce il riciclo di aria nuova a temperature adeguate al fabbisogno interno. La scelta strutturale, inoltre, permette di avere un vano ascensore visivamente leggero in quanto i montanti verticali si trovano esterni al perimetro di vetro: gli elementi orizzontali sono marcapiani che cercano, attraverso una libertà compositiva, di risolvere le irregolarità di altezza dei diversi piani.

ai-progetti ascensore
Un ascensore per Palazzo Ferro-Fini a Venezia – disegni tecnici

Anche nel disegno delle passerelle, che collegano l’ascensore ai piani, si ricerca l’equilibrio tra leggerezza e solidità: la struttura portante, infatti, forma un disegno che dialoga con gli elementi strutturali della copertura e dell’ascensore.
Nel suo complesso l’intervento è una risposta coerente ai diversi problemi strutturali e funzionali che il progetto pone. La scelta architettonica non è altro che una sintesi di diverse problematiche che trovano nella soluzione adottata una espressione adeguata a questo particolare contesto di intervento.

Leave a Comment