fbpx
  • SEZIONI
FFD-Tavoli-interattivi

FFD-Tavoli-interattiviSono molti gli incontri e le esperienze progettate da Coop a Expo per le famiglie. A partire da YuMi, robot di ultima generazione, fino ad arrivare all’astronave che viaggia lungo un percorso pensato per far comprendere anche ai più giovani il ruolo chiave del cibo per il benessere e la nutrizione.

Un viaggio nel tempo, 250 metri quadri dedicati all’immaginazione. È l’Exibition Area di Coop, collocata nella piazza del Future Food District, e pensata per far capire ai più giovani e ai loro genitori ciò che ci riserverà un futuro ancora più lontano in termini di cibo, modalità di scelta e di acquisto, e tecnologie produttive.

Come il laboratorio di nuova generazione, nato da un’idea di Coop e Merieux NutriSciences: una specie di astronave con cui si entra in uno spazio dove le più sofisticate tecniche di controllo e analisi sono operative come le ricerche sui virus, il controllo dell’origine e dell’autenticità dei prodotti alimentari e le nuove frontiere offerte dalle applicazioni online. Un viaggio al centro della sicurezza alimentare per scoprire le opportunità che la scienza e la tecnologia ci offrono per il controllo e il miglioramento della salute pubblica del domani. Così non è difficile percepire l’importanza ed il ruolo chiave del cibo per il proprio benessere e la nutrizione.

Non mancano nell’ Exhibition Area anche le incursioni nel cibo sostenibile del futuro. Secondo la Società Umanitaria, la storica fondazione milanese già presente all’Esposizione Universale del 1906, con l’aumento previsto della popolazione nei prossimi anni, 1,8 metri quadri a testa per produrre il cibo necessario per sfamare tutti saranno davvero pochi. Ci verranno in soccorso larve, vermi e altri insetti (1900 le specie commestibili), animali a sangue freddo in grado di produrre molte proteine consumando poca energia. Un’autentica panacea ricchi come sono di fibre, acidi grassi, oligoelementi e inoltre allevamenti così low tech da essere facilmente realizzabili anche nei paesi più poveri del mondo.

Dopo un giro nell’Exibition Area non si può non andare a salutare il simpatico Yumi, che aspetta i più piccoli all’ingresso del supermercato del futuro. Due robot di nuova generazione realizzati da ABB in grado di interagire con le persone, dotati di braccia, vista e tatto, pensati per una nuova era dell’automazione in cui gli esseri umani e i robot eseguiranno congiuntamente le stesse operazioni. YuMi è infatti l’abbreviazione di “you and me” a sottolineare la collaborazione tra uomo e macchina, con la sua capacità di manipolare in completa sicurezza qualsiasi oggetto, dai delicati elementi di precisione di un orologio fino a infilare il filo in un ago o interagire con i clienti del supermercato del Future Food District.

Ma non solo. I 2.500 metri quadrati di superficie sviluppati su due livelli, sono stati pensati come uno spazio sperimentale, capace di generare nuove interazioni. Ad esempio, per sensibilizzare i consumatori, anche i più giovani, i prodotti sono esposti su ampi tavoli e basta sfiorarli con la mano per ottenere “etichette aumentate” che raccontano il prodotto, le sue proprietà, la sua storia e il suo tragitto.

Leave a Comment