fbpx
  • SEZIONI
04_Unity

L’innovativa interfaccia Unity, a bordo della nuova linea Artis di Technogym, nata da una stretta collaborazione tra il centro stile dell’azienda leader del wellness e Studio Visuale di Venezia, vince il premio “ISPO Product of the year 2014” a ISPO, la più importante fiera internazionale dedicata al business e all’abbigliamento sportivo che si svolge a Monaco fino al 29 gennaio 2014.

Unity è un’interfaccia che permette a tutti gli sportivi di essere virtualmente connessi anche durante la pratica dell’attività fisica. Essa grazie alla più avanzata piattaforma Android, permette di interagire intuitivamente, come su tablet, trascinando, scorrendo e toccando gli elementi sullo schermo per passare con facilità da un’attività all’altra.

Grazie al suo utilizzo l’utente è in grado di monitorare la propria attività fisica, di aprire il proprio mondo attraverso  l’accesso ai social network e di navigare sul web. Da oggi, grazie alle tecnologia dei Google Glasses potrà controllare e accedere a tutte le funzioni della macchina con il comando vocale e ricevere feedback sul proprio allenamento attraverso le lenti degli occhiali.

Studio Visuale in collaborazione con il centro stile di Technogym, ha pensato ad una user experience intuitiva che integra capacità progettuali relative all’interaction design e conoscenze specifiche sulla fruizione degli attrezzi sportivi.

Unity pone particolare attenzione ai limiti d’utilizzo che l’utente può avere durante la pratica sportiva. Per questo il corpo del carattere è di grandi dimensioni, i contrasti cromatici sono enfatizzati, i tasti sono resi più grandi e sono spostati ai lati del monitor dove sono più accessibili durante la corsa. È inoltre resa giovane e fresca dall’utilizzo di ampie campiture piene in linea con l’evoluzione dello scenario dei sistemi operativi dei dispositivi mobili più diffusi.

L’espandibilità della griglia e la navigazione orizzontale su uno spazio infinito permettono di accedere a molteplici opzioni: ai set di allenamenti preimpostati o configurabili, ad una selezione di esercizi friendly e giocosi (Food&Calories, Green, sfide con altri utenti con accesso social) fino alla consultazione di schede di allenamento configurate dal personal trainer. Inoltre l’interfaccia è estremamente personalizzabile da ogni palestra che potrà scegliere come configurare la dashboard, promuovendo l’utilizzo di alcuni contenuti rispetto ad altri.

Il rapporto di Studio Visuale con Technogym

La collaborazione tra Technogym e Studio Visuale è iniziata anni fa ed è partita dalla simulazione delle interfacce macchine-utente. L’esperienza ha permesso di costruire un rapporto sempre più profondo tra le aziende ed ha consentito a Studio Visuale di apprendere i processi industriali dal di dentro e di sfruttare le conoscenze trasversali dello studio in un rapporto di scambio costante.

Oltre all’attività di progetto delle interfacce, Studio Visuale ha organizzato un workshop universitario. Grazie al legame di Michele Zannoni con il mondo accademico è stato organizzato un laboratorio con il Corso di Laurea in Disegno Industriale dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino. Durante l’attività, una ventina di studenti selezionati sono stati capeggiati da Daniele Balcon, Francesco Pia, Ermanno Tasca e Mario Fedriga per ricercare le possibili evoluzioni del mondo delle interfacce nel settore sportivo.

Chi è Studio Visuale

Studio Visuale è la digital agency veneziana fondata nel 2008 dall’unione di quattro professionisti operanti nei diversi settori del design visuale: art direction, branding, web, interaction design, immersive design, motion design e video.

Ha lavorato per: Magneti Marelli, Gas Jeans, Pirelli, Irinox, ed Enel. Tra i suoi più recenti progetti vanta l’allestimento della mostra Lux in Arcana nella cornice dei Musei Capitolini a Roma, dove è stato svelato l’inestimabile patrimonio storico dell’Archivio Segreto Vaticano.

Parallelamente al ruolo di designer i soci dello studio sono coinvolti in attività didattiche con le istituzioni universitarie.

Leave a Comment