• SEZIONI
vanessa jay mulder

Vanessa Jay Mulder, la regina della black music ci presenta Essensuality, il suo nuovo EP
Vanessa Jay Mulder è un’artista completa, una grande voce capace di spaziare tra più generi e regalare una performance coinvolgente e tutta da ballare a chi la ascolta.
Abbiamo avuto il piacere di conoscerla a Radio Popolare durante la presentazione del suo nuovo EP, Essensuality, in uscita il 12 luglio per M.B.C Musica/Pirames International.
Essensuality vanta collaborazioni di spicco, con la produzione Marco Olivi (Ghemon, Ex-Otago, Calibro 35, Mario Biondi), Tommaso Colliva e Giovanni Versari, entrambi Grammy Awards rispettivamente per produzione e per mastering dell’album Drones dei Muse.
Accompagnata da Raffaele Scogna, coautore e arrangiatore dei brani nonché membro delle band di Ghemon e Nic Cester, Vanessa ha presentato i suoi nuovi brani in un mini live e ha risposto alle nostre domande.
Parliamo un po’del tuo EP…
Sono molto orgogliosa di questo lavoro. Nelle mie canzoni potete trovare qualche nota seria e qualche nota più leggera. Ho spaziato un po’ tra temi importanti a livello sociale, come in Stranger, e temi più leggeri, come l’amore, che in Delicious ho paragonato al cibo.
Nei tuoi brani spazi tra soul, jazz, funk, ma in realtà nasci rapper (infatti in Angel rappi una strofa). Come è avvenuta la tua evoluzione musicale?
Ho iniziato con le rime perchè mi piaceva il modo in cui mi permettono di esprimere concetti più elaborati, ma mi mancavano la melodia e la capacità di portare il messaggio in un altro modo. Ho sempre amato cantare, ma per farlo ho dovuto fare pace con la mia voce. È una voce non tradizionale rispetto a quelle a cui mi ispiravo, per questo sono dovuta tornare indietro ai tempi del jazz e studiare come le jazziste riuscivano ad utilizzare ogni sfumatura della propria voce. Col tempo ho scoperto che questa è una veste che mi va decisamente più comoda.
Il primo brano estratto dal tuo ep, Essensuality, è una celebrazione della bellezza in tutte le sue forme e sfumature. Tu come ti senti con te stessa? La tua canzone è un inno o un promemoria per te?
Hai detto bene, Essensuality è anche un promemoria. Ci sono dei giorni che mi guardo allo specchio e mi sento bene, altri invece che mi critico e non mi piaccio, un po’come tutti. Mi sono imposta che in quei giorni devo sforzarmi ed essere gentile con me stessa. Noi dobbiamo essere i primi sostenitori di noi stessi se vogliamo affrontare il mondo e avere una vita soddisfacente.
Sul tuo profilo Instagram hai da poco pubblicato un post presentando Vany, il tuo alter ego coraggioso e tenace. Guardandoti cantare sembri molto forte e sicura di te, hai davvero bisogno di un alter ego?
Sono una gemelli ascendente gemelli. Per questo in realtà sono molto timida, riservata e sensibile e non sempre ho il coraggio di affrontare determinate situazioni. Quando succede mando avanti lei.
Qual è il tuo primo ricordo legato alla musica?
Uno dei primi ricordi che ho è il giradischi di mia madre. Guai a toccarlo! Era un monumento sacro a casa nostra. Ma quando mamma non c’era, noi bambini ballavamo. Andavamo a prendere i suoi dischi e li suonavamo ad alto volume.
Hai avuto tantissime collaborazioni tra cui Raf e Zucchero. Henry Padovani dei Police ti ha anche scritto una canzone. Come è nata questa collaborazione speciale?
Ho conosciuto Henry quando era il manager di Zucchero, siamo diventati subito amici e con gli anni è diventato anche un mentore, mi ha sempre dato consigli preziosi. Quando ho deciso di fare il primo album lui aveva già pronta una canzone per me.
Quali sono i tuoi prossimi programmi?
L’album esce il 12 luglio e siamo molto impegnati nella promozione, ma stiamo anche preparando il tour. Da settembre spero di girare in lungo e in largo l’Italia per portare la mia musica in giro.
Cosa vuoi trasmettere al tuo pubblico?
Chi viene a sentire un mio concerto deve dimenticare per un attimo tutte le cose negative e a fine serata andare via con un bel sorriso, con qualcosa in più. Spero che le mie canzoni facciano riflettere, uniscano e diano tante good vibes a chi mi ascolta.

Seguite Vanessa Jay Mulder su Facebook e Instagram

Leave a Comment