fbpx
  • SEZIONI
Copertina_web

Vivo, Morto, o KIM! Cosa sta succedendo in Corea del Nord?

Sul nuovo numero di Babilon la contro-narrazione dell’ultima dittatura comunista in Asia

Chi succederà al Leader Supremo? Qual è la vera Corea del Nord? Su cosa si fonda il suo particolare esperimento totalitario, un ibrido di marxismo-leninismo, confucianesimo e nazionalismo capace di resistere all’isolamento internazionale? Fino a che punto la Cina avrà interesse a tenere in vita il regime dell’imprevedibile Kim Jong-un? Dietro la visione distorta da sempre proiettata dall’Occidente c’è un regime inaspettatamente dinamico, che punta sulla militarizzazione e sullo sviluppo di un adeguato deterrente missilistico-nucleare per trattare «alla pari» con gli Stati Uniti e le altre potenze dell’Estremo Oriente. E che oggi rappresenta un serio problema a livello mondiale.

Nel nuovo libro-magazine Babilon – edito da Paesi Edizioni in collaborazione con Il Caffè Geopolitico – la contro-narrazione dell’ultima dittatura comunista in Asia, con il parere di accademici e giornalisti come Guido Olimpio, Francesco Sisci e Giorgio Mantici, che, meglio di chiunque altro, sanno decifrarne le dinamiche interne. Un numero da collezione che ospita idee indipendenti e originali, adatte a ogni palato, dove sono sviscerate analisi sul futuro geopolitico del pianeta. Un pamphlet che è parte di una collana concepita per immortalare lo spirito dei tempi e le tensioni interne a gli sviluppi socio-politici e socio-economici degli Stati moderni e dei loro leader.

All’interno del libro, in esclusiva, le immagini inedite dell’architettura di Pyongyang: utopica realtà modello emblema dell’ideologia «Juche», quell’«autosufficienza» orgoglio e condanna della dinastia Kim.

La collana Babilon di Paesi Edizioni, affronta le dinamiche geopolitiche e geo-economiche; le relazioni diplomatiche; le guerre e i piani di pace; la cultura, la società e la religione dei principali attori mondiali, attraverso i più grandi esperti di affari esteri e scienze politiche.

Il nome della collana richiama tanto la biblica torre di Babele quanto la mitica città di Babilonia, sinonimo d’incomunicabilità la prima e di utopia la seconda. Puntando a rovesciare questi antichi significati, i contenuti del libro intendono offrire una lingua comune e comprensibile a tutti, una «terapia» culturale che getti le fondamenta di uno stile nuovo. Uno strumento che consegni ai posteri le chiavi interpretative idonee ad approcciare correttamente la geopolitica e le relazioni internazionali.

Babilon è disponibile in edicola al costo di 5€ o in versione digitale su Amazon

Leave a Comment